ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Asma bronchiale

Caratteristiche dell'asma sono la reversibilità dell'ostruzione bronchiale, l'iperreattività bronchiale e l'infiammazione delle vie aeree.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Vorrei sapere perché viene l'asma e come si cura.

L'asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree. I soggetti che soffrono di questa malattia presentano senso di soffocamento, costrizione toracica, tosse, crisi ricorrenti di difficoltà respiratoria. Caratteristiche dell'asma sono la reversibilità dell'ostruzione bronchiale, l'iperreattività bronchiale e l'infiammazione delle vie aeree. Soltanto nel 30% dei casi la causa dell'asma è di origine esclusivamente allergica, in altri casi intervengono altri fattori, in particolare infettivi, ma anche di altra natura che concorrono nel causare la patologia.

La prevalenza dell'asma bronchiale nella popolazione generale in Italia è del 4-5 %; insorge con notevole frequenza in età infantile, spesso al di sotto dei cinque anni. La familiarità sembra svolgere un ruolo importante come pure le cause ambientali. Tra i fattori principali scatenanti abbiamo: gli allergeni (acari della polvere, graminacee, parietaria), infezioni virali, sostanze chimiche a basso peso molecolare (isocianati, farmaci, sostanze chimiche diverse), polveri di legno, farine, tinture, cosmetici, forfore e derivati animali, fibre tessili. Per quanto riguarda la terapia essa si basa su tre principi fondamentali: a) eliminazione dell'esposizione agli allergeni b) terapia farmacologica c) immunoterapia specifica (in caso di asma allergico).

La terapia farmacologica utilizza farmaci antiinfiammatori (cortisonici) e farmaci ad azione sintomatica (broncodilatatori). L'immunoterapia specifica (in caso di asma allergico) consiste nella somministrazione di dosi crescenti di estratti allergenici in modo da desensibilizzare l'organismo. Attualmente sono molto utilizzati i vaccini sublinguali, specialmente nei bambini, vista la buona efficacia e la tolleranza dimostrata.

1/3/2000

19/10/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Asma bronchiale"

Rinite allergica
Quale prevenzione seguire perchè la rinite allergica non si trasformi in asma?
Il cortisone
Il cortisone è il più potente antiinfiammatorio a disposizione per la cura di numerose malattie, tra le quali alcune patologie dell'apparato respiratorio.
Tosse secca notturna
La tosse secca notturna può essere un segno di asma o di sinusite.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
Sindrome del fischiatore felice
Si definisce sindrome del "fischiatore felice" o happy wheezing" una condizione caratterizzata dalla presenza di respiro sibilante.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte