ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Il mal di gola

Il bambino con il mal di gola accusa dolore nella deglutizione, si lamenta per la gola secca, ruvida e ha la sensazione di avere un corpo estraneo in gola.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Quando iniziano i primi freddi il mio bambino di quattro anni si lamenta spesso per il mal di gola. Quali possono essere le cause e cosa posso fare per attenuare i sintomi?

Con l’inizio della brutta stagione i bambini, soprattutto quelli piccoli e che frequentano l’asilo nido o la scuola materna, iniziano ad ammalarsi: compaiono tosse, scolo dal naso, starnuti e, spesso, dolore alla deglutizione. Il mal di gola rappresenta infatti un sintomo molto comune nelle infezioni delle vie respiratorie, quando un agente patogeno colpisce una delle zone della gola, dalla faringe fino alle tonsille.

Quasi sempre, nel bambino sotto i cinque anni di vita, la faringite è dovuta all’azione di virus, gli stessi che causano il raffreddore e le varie forme influenzali tipiche della brutta stagione come gli Adenovirus, i Rhinovirus o i Coxsackievirus. Più raramente e con maggiore frequenza a mano a mano che il bambino diventa più grande, il colpevole è un batterio, lo Streptococco beta-emolitico di gruppo A.

La diffusione sia dei virus che dei batteri avviene attraverso il contatto diretto con il muco del naso e/o la saliva del paziente infetto, oppure tramite le goccioline respiratorie che vengono diffuse nell'ambiente con i colpi di tosse e gli starnuti o anche semplicemente parlando o gridando.

Il bambino con il mal di gola accusa dolore nella deglutizione, si lamenta per la gola secca, ruvida e ha la sensazione di avere un corpo estraneo in gola. Spesso sono anche presenti tosse, naso che cola, starnuti, raucedine, malessere generale, dolori muscolari e, sovente, febbre.

Frequentemente l’infezione dal faringe scende fino ad interessare le tonsille (le ghiandole linfatiche simili a dei cuscinetti che si trovano su entrambi i lati nella parte posteriore della gola) che si ingrossano; il piccolo avverte allora un dolore alla gola ancora più intenso, soprattutto alla deglutizione tanto  che sovente si rifiuta di assumere cibi solidi e beve con molta fatica.

Osservando le tonsille esse appaiono di colore rosso acceso e spesso, sulla loro superficie, si possono notare delle chiazzette bianche o giallastre (le cosiddette “placche”) dovute a piccoli accumuli di pus. Le ghiandole linfatiche ai lati del collo del piccolo si ingrossano e, frequentemente, appaiono dolenti quando vengono toccate.

Nella maggior parte dei casi il mal di gola si risolve spontaneamente nel giro di 4-5 giorni e la cura è solo sintomatica: un anti-infiammatorio può ridurre il bruciore, soprattutto alla deglutizione, e la febbre, se è presente. Quando, invece è coinvolto lo Streptococco beta-emolitico di gruppo A è indispensabile somministrare un antibiotico

Nel mal di gola può essere di sollievo l’assunzione di alimenti semifreddi e semiliquidi (gelati, yogurt, succhi di frutta ecc.) poiché il freddo aiuta a lenire il dolore. Utile si può rivelare l’assunzione di soluzioni anti-infiammatorie a base di sostanze antisettiche o naturali che, spruzzate in gola, possono rappresentare un notevole sollievo per il bambino.

In particolare vanno privilegiati gli spray a base di propoli, una sostanza resinosa che le api raccolgono dalle gemme e dalla corteccia delle piante, adatta ad igienizzare e proteggere il cavo orale.

25/10/2011

12/2/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Astigmatismo ed occhiali
Gli hanno prescritto gli occhiali per un lieve astigmatismo: sono proprio necessari in un bambino piccolo? I consigli dell'oculista.
Circonferenza del cranio nel neonato
La circonferenza del cranio deve essere regolare per velocità di accrescimento e per dimensioni in base all'età del bambino.
Entra in crisi se le si toccano i giocattoli
A questa età è normale che se le toccano un giocattolo vada in crisi. I consigli della psicologa.
Cianosi
La cianosi è il colorito scuro-bluastro della cute che normalmente indica un problema di scarsa ossigenazione dei tessuti.
Perdite di sangue in gravidanza
Trovare delle perdite di sangue durante la gravidanza può rientrare nella normalità o essere un segno di allarme. Meglio chiamare il ginecologo.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza