ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Bambino mancino

Il bambino da piccolo è ambidestro in quanto non si è ancora imposta una prevalenza di un emisfero cerebrale sull'altro. Il sistema nervoso è caratterizzata da un'immaturità corticale.

Sono il genitore di Emanuele, 5 mesi compiuti. Abbiamo notato che non utilizza frequentemente il braccio destro con la stessa frequenza di quello sinistro. Gran parte degli oggetti e movimenti li gestisce quasi sempre con la mano sinistra. E' segno che il bambino è mancino o è solo una preferenza momentanea?

Il lattante è ambidestro in quanto non si è ancora imposta una prevalenza di un emisfero cerebrale sull'altro. Nel neonato la funzionalità del sistema nervoso è inoltre caratterizzata da un'immaturità corticale, tanto che alla corteccia cerebrale, alla nascita, non si riconosce alcuna attività. In conseguenza di ciò, le caratteristiche funzionali del sistema nervoso nell'età neonatale sono: ipertonia dei muscoli flessori presenza di riflessi di automatismo spinale (es. riflessi arcaici): si risolvono nei primi mesi di vita tendenza alla irradiazione e generalizzazione delle risposte.

Nel corso del primo anno, parallelamente alla maturazione anatomica e funzionale delle strutture corticali, si assiste alla estinzione dei riflessi di automatismo spinale, alla regolazione della funzione tonica e all'instaurarsi del gioco sinergico tra muscoli agonisti e antagonisti, essenziale per l'attuazione di una motilità finalizzata (controllo del capo, prensione, stazione eretta). In altre parole, il venire meno dei riflessi automatici lascia spazio ai movimenti volontari del bambino. Nel caso segnalato, tuttavia, invitiamo ad osservare se persiste la tendenza a tenere a pugno la mano destra e se sono comunque ridotti i movimenti spontanei dell'arto superiore destro, nel quale caso è opportuno un controllo neuropediatrico.

22/9/2009

27/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura