ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Bronchite

La bronchite è un'infiammazione dei bronchi. La tosse è il segno costante con altri segni come febbre, vomito, difficoltà respiratoria che possono essere più o meno evidenti.

a cura di: Dott.ssa Milena Lo Giudice (pediatra)

Hanno ricoverato mio figlio Luca 4 anni con una diagnosi di bronchite catarrale, inizio di polmonite. La cura si basa sull'assunzione di antibiotici. Vorrei conoscere più informazioni sulle malattie suddette e quali eventuali rischi corre.

Per definizione quando si parla di bronchite ci si riferisce ad un’infiammazione dei bronchi. La tosse è il segno costante e quindi sempre presente in caso di bronchite, altri segni clinici quali febbre, vomito, difficoltà respiratoria possono essere invece più o meno manifesti.

Possiamo classificare la bronchite in:

  • Acuta: quasi sempre causata da un virus e si esprime per quanto riguarda la sintomatologia con raffreddore e tosse.
  • Subacuta o protratta: è prevalentemente sostenuta da una sinusite e gli agenti responsabili sono quasi sempre batteri
  • Cronica o ricorrente: può essere causata da virus o da batteri ma il ripetersi degli episodi è spesso dovuto ad una particolare costituzione del paziente, atopica (allergica) o con problemi immunologici.
  • Perenne: nel bambino è presente solo in caso di fibrosi cistica ( una malattia congenita che oltre i bronchi interessa altri organi).

Come dicevamo prima, il sintomo costante della bronchite è la tosse, e le sue caratteristiche e la sua durata indirizzano l’eventuale trattamento. Oltre agli agenti infettivi sopra ricordati, causa di tosse e bronchite sono anche i fattori ambientali e la particolare broncoreattività caratteristica di alcun individui. Dal punto di vista della prevenzione risulta quindi efficace la riduzione dell’esposizione a fattori inquinanti quali il fumo di sigaretta: è ampiamente dimostrato che i bambini figli di genitori fumatori ammalano più spesso di malattie dell’albero respiratorio. Un altro elemento di protezione per il piccolo bambino è l’allattamento al seno, sia per una migliore protezione immunologica, sia per la prevenzione delle malattie allergiche.

La polmonite, l’infiammazione delle basse vie respiratorie, rappresenta circa il 10-15% di tutte le malattie polmonari, si manifesta con sintomi molto vari, nelle forme acute è quasi sempre presente febbre, difficoltà respiratoria, e compromissione dello stato generale, il bambino ha poca voglia di giocare, rifiuta il cibo, spesso vomita. Le cause variano a seconda dell’età: per un bambino di 4 anni la causa più frequente è l’infezione da pneumococco, la terapia antibiotica in questo caso risulta sempre opportuna ed efficace. Per il piccolo Luca, non ci sono sufficienti elementi per potersi indirizzare verso una diagnosi di certezza, ma in considerazione di quanto esposto in precedenza molto probabilmente quando il papà leggerà queste note il piccolo sarà già tornato a casa in buone condizioni di salute.

1/1/1998

20/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bronchite"

La tosse nei bambini: rimedi per la tosse persistente di notte
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Tosse catarrale notturna
Con gli aerosol la tosse migliora, ma non guarisce del tutto. Potrebbe essere un inizio d'asma? I consigli del Pediatra.
Differenza tra tosse secca e catarrale
Molti sono gli aggettivi con cui si può definire la tosse di un bambino: secca, stizzosa e grassa.
Catarro nei bambini
Il mio bambino è pieno di catarro e tosse: il pediatra parla di adenoidi e di sinusite.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
A quattro mesi ha già fatto tre cicli di antibiotico
Come possiamo aiutarla ad espellere il catarro? Ci sono in commercio gocce per liberare meglio il nasino?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo