ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Gli è stato diagnosticato il broncospasmo

Gli è stato diagnosticato il broncospasmo. Sarà indice di una predisposizione asmatica?

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Al mio bambino di sei mesi, che presenta tosse e catarro, è stato diagnosticato il broncospasmo. Vorrei sapere se questo indica una possibile predisposizione all'asma.

Cara signora, la sua è una domanda molto interessante, poiché da molto tempo si cerca di mettere in relazione gli episodi di broncospasmo occorsi in tenera età con il futuro sviluppo di asma. La necessità di riuscire a trovare una correlazione tra i due eventi è legata alla possibilità di un intervento profilattico e terapeutico precoce.

Alcuni studi hanno dimostrato come la diagnosi chiara di asma si effettui, con gli attuali mezzi diagnostici, solo allorquando si sono già stabilite alterazioni irreversibili a livello polmonare. Uno studio molto importante condotto da ricercatori americani, che ha seguito 1246 bambini dalla nascita fino all'età di sei anni, ha visto come i bambini che avevano avuto almeno un episodio di wheezing (N.d.R.: respiro sibilante) nei primi tre anni di vita erano il 34% del totale. Questo 34% era suddivisibile in due sottocategorie: la prima era caratterizzata da episodi presenti solo nei primi tre anni di vita e dalla scomparsa dei fenomeni asmatiformi nelle età successive, la seconda dalla più facile persistenza della sintomatologia dopo i tre anni con più frequente evoluzione verso l'asma.

La caratteristica dei bambini del primo gruppo era la presenza di una ridotta funzionalità respiratoria fin dalla nascita. Nei bambini appartenenti al secondo gruppo si riscontravano, invece, più facilmente madre affetta da asma, dermatite atopica e valori elevati di IgE (anticorpi tipici dell'allergia). Pertanto il bambino che ha uno o più episodi di broncospasmo nei primi tre anni di vita è più facilmente candidato ad andare incontro alla malattia asmatica se vi è familiarità per tale patologia, se soffre di dermatite atopica e se ha un alto livello di IgE totali.

16/4/2002

26/10/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gli è stato diagnosticato il broncospasmo"

Si strofina frequentemente il naso
Strofinarsi frequentemente il naso è un tipico sintomo della rinite allergica. L'allergia respiratoria si instaura dopo rispetto all'allergia alimentare.
Predisposizione allergica
La possibilità che un bambino sia allergico è strettamente legata alla presenza di consanguinei affetti da allergia.
Intolleranza ed allergia
Intolleranza ed allergia indicano due modalità differenti dell'organismo di reagire a sostanze estranee.
Allergia e IgE totali
Le IgE totali sono uno degli indici più utilizzati per la valutazione dell'intensità dell'allergia.
Reinserire il latte in un bambino allergico?
L'intolleranza al latte si è manifestata all'età di nove mesi.
E' allergica al latte vaccino
Può esserci una relazione tra l'assunzione di latticini tramite latte materno e il continuo rifiuto delle pappe? I consigli dell'allergologo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Calmare il pianto del neonato
Il pianto del neonato è fatto apposta per non lasciare indifferenti. Non esistono neonati che mangiano, dormono e non piangono mai.
Che ruolo gioca il freddo nelle malattie da raffreddamento?
Il termine "raffreddore" ha ancora senso? La sola esposizione al freddo non può causare una malattia infettiva delle prime vie aeree.
Inserimento graduale alla scuola materna
L'inserimento graduale alla scuola materna può disorientare una bambina già abituata all'asilo nido? I consigli della psicologa.
E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.
Uso del montelukast nei bambini piccoli
Esistono controindicazioni ad usare gli antileucotrieni Montelukast nei bambini piccoli? Il parere del Pediatra.

Quiz della settimana

Come si corregge una ernia ombelicale del diametro di 2 cm in un bambino di sei mesi di età?
Applicandovi sopra un cerotto
Con un intervento chirurgico immediato
Entrambe le cose sono da fare
Non si deve fare nulla