ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Calcolosi renale

Eccessive quantità di cistina non disciolta nelle urine causano la formazioni di calcolosi renale, nella vescica e/o nell'uretere. E' indispensabile eseguire uno screening metabolico.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Mio figlio ha tre mesi. A distanza di un mese, abbiamo rifatto un'ecografia all'addome che ha rilevato l'ispessimento di un calcolo renale trovato nella precedente ecografia (è diventato di sette mm) e la presenza di altri piccoli calcoli che tendono (mi hanno detto) ad unirsi. Vorrei sapere cosa potrei fare per eliminare questi calcoli in maniera naturale per il piccolo, se è normale la loro presenza in un bimbo di tre mesi e, in ultimo, qual è la peggiore delle ipotesi.

Una calcolosi (multipla) in un lattante è certamente alquanto atipica e sono necessari alcuni fondamentali chiarimenti: esiste familiarità per calcolosi? è indispensabile eseguire uno screening metabolico per escludere eventuali malattie responsabili della formazione di calcoli come, ad esempio, la cistinuria [(N.d.R.: si tratta di una malattia metabolica ereditaria in cui si verifica un deficit di trasporto di quattro aminoacidi (arginina, lisina, ornitina e cistina) con conseguente notevole incremento di escrezione urinaria di tali aminoacidi. Eccessive quantità di cistina non disciolta nelle urine causano la formazioni di calcoli nei reni, nella vescica e/o nell'uretere] è indispensabile conoscere lo stato delle vie urinarie ed escludere delle possibili malformazioni responsabili di una stasi urinaria (uropatia ostruttiva). Senza queste informazioni preliminari è assolutamente impossibile formulare qualsiasi ipotesi terapeutica e prognostica.

13/6/2002

31/1/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Calcolosi renale"

Sindrome nefrosica
La Sindrome Nefrosica (SN) è una patologia dei reni, dei quali viene ad essere danneggiata la funzione di filtro.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Sindrome Nefrosica
La Sindrome Nefrosica è l'espressione clinica di alterazioni renali diverse sia per la forma, la causa, il modo di insorgenza e la prognosi.
Idro-uretreronefrosi non ostruttiva
Soffre di idronefrosi sinistra, non ostruttiva, non refluente. Non è sempre necessario l'intervento chirurgico.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Agenesia renale
Per agenesia renale si intende una malformazione congenita in cui l'organo non si forma durante la vita uterina.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.
Trauma dentale
Uno dei due denti incisivi si è scurito dopo un trauma. Il dentista deve fare gli accertamenti necessari dopo la valutazione diagnostica.
Afte ricorrenti
Per certi bambini soffrire di afte ricorrenti può diventare realmente un problema perché i sintomi sono dolorosi e abbastanza intensi.
Inserimento alla scuola materna: è il più giovane della classe
Nella sua classe di scuola materna sarà il più giovane. I consigli per l'inserimento.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura