ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cammina sulle punte

Mio figlio di sei anni cammina sulle punte. I piedi sono perfetti e non ha difetti morfologici a carico dei tendini. Cosa dobbiamo fare? I consigli dell'ortopedico.

a cura di: Dott. Sergio Monforte (ortopedico)

Il mio bambino sin da subito ha camminato e continua a farlo sulle punte. Diverse visite dal fisiatra hanno stabilito che i suoi piedi sono perfetti e non presentano alcun difetto morfologico a carico dei tendini. La sua andatura migliora ogni qualvolta lo esorto a camminare bene ma, appena dimentica il richiamo, riprende la sua andatura sulle punte. Cosa posso fare? A volte anche da fermo staziona in modo incomprensibile sulle dita dei piedi. Come devo comportarmi? Mi risponda la prego, è un bambino normalissimo di sei anni, alto 126 cm e pesa 25 Kg ma questo difetto mi sembra lo stanchi in modo esagerato.

Il cammino sulle punte o toe walker è di frequente riscontro nella pratica ambulatoriale ortopedica rappresentando circa 1/100 delle richieste di consulenza specialistica.

Nella stragrande maggioranza tale atteggiamento motorio è da considerarsi una variante della normalità soprattutto se si presenta precocemente nei primi mesi di cammino autonomo normalizzandosi spontaneamente nei primi 2-3 anni di età.

Nei casi in cui tale alterazione motoria persiste o si manifesta più tardivamente o associata ad altri sintomi motori  (ipertono, debolezza muscolare, ipertrofia muscolare, disturbo della coordinazione) è consigliabile approfondire gli accertamenti ricorrendo a valutazioni specialistiche (ortopedica, neurologa, fisiatrica) per poter distinguere, con un semplice esame clinico, esami ematici e valutazioni diagnostiche più approfondite (come ad es. la gait analysis, l’EMG dinamica, la RMN encefalica e spinale) tra forme di natura “idiopatica” e altre secondarie a patologie di natura neuro- muscolare (paralisi cerebrale, distrofia muscolare etc).

In genere le forme “idiopatiche” sono bilaterali, simmetriche, con un appoggio plantigrado in fase di riposo o meno pronunciato se il bambino indossa delle calzature e nel 30% dei casi presentano una ricorrenza familiare. Una volta identificata la causa, lo specialista ortopedico potrà scegliere tra le varie opzioni terapeutiche riabilitative e/o chirurgiche possibili, la più idonea ed efficace a seconda del grado di limitazione funzionale e dell’età del bambino al momento del trattamento.

In genere il primo approccio terapeutico proposto è di natura riabilitativa con esercizi di stretching e l’uso di tutori (tutore AFO con blocco della plantarflessione). Se tale trattamento fisiochinesiterapeutico non si è dimostrato efficace, è possibile associare a tali trattamenti la correzione passiva progressiva della mobilità articolare con stretching cast da solo o associato ad inoculazione di tossina botulinica sul muscolo tricipite surale. Più del 50% dei bambini camminatori in punta rispondono positivamente ai vari protocolli di trattamento riabilitativo e ortesico.

Nei soggetti che invece non hanno dimostrato rispondere efficacemente a tali trattamenti conservativi, con difficoltà motorie e di equilibrio durante la corsa o le comuni attività ed con una dorsi flessione passiva massima < ai 5 gradi, è possibile proporre, ma in genere non prima dei 6-8 anni di età,  l’allungamento funzionale del complesso mio tendineo del muscolo tricipite (a carico del tendine di Achille o della fascia muscolare del muscolo soleo).

In conclusione per un efficace trattamento ortopedico di un bambino camminatore in punta è indispensabile un’accurato inquadramento diagnostico multidisciplinare.



13/12/2010

21/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Cammina sulle punte"

Inizia a voler camminare troppo presto
A sei mesi e mezzo cerca di fare qualche passetto. Ho paura che sia troppo presto per iniziare a camminare e che possa farsi male alle anche.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Mia figlia è a rischio di asma
La diagnosi precisa di asma si può fare dopo i sei anni di età. I sintomi e la terapia da seguire.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare