ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Soffre di una cardiopatia congenita

Il difetto del setto atriale tipo "ostium secundum" è una malformazione cardiaca in genere ben tollerata in età pediatrica e rari sono i casi di sintomaticità nei primi mesi di vita.

a cura di: Prof. Giovanni Stellin (cardiochirurgo)

Il mio bimbo quasi tre anni è affetto da DIA tipo ostium secundum di 12 mm asintomatico (N.d.R.: il DIA è un difetto del setto interatriale, cioè della parete che separa l'atrio destro dall'atrio sinistro. Può essere del tipo "ostium secundum", il più frequente, quando il difetto è nella parte alta del setto oppure "ostium primum", quando il difetto è nella parte centrale). Il pediatra e il cardiologo riscontrano un ritardo di crescita: ora pesa 12 Kg per 92 cm di altezza. Può essere dovuto a questa cardiopatia congenita? Inoltre chiedo: se il bimbo verrà operato, tra sei mesi, con intervento a cuore aperto, è obbligatorio effettuare trasfusioni di sangue?

Il difetto del setto atriale tipo "ostium secundum" è una malformazione cardiaca in genere ben tollerata in età pediatrica e rari sono i casi di sintomaticità nei primi mesi di vita. L'intervento di solito viene eseguito elettivamente dopo il primo anno di vita e, preferibilmente, in età prescolare. Tuttavia, il superlavoro del ventricolo destro, che deve gestire una quantità di sangue circa doppia di quella dei soggetti normali, può in effetti portare a ritardi di crescita.

Di fatto, molto spesso i bambini trattati in questa età, dopo correzione, mostrano subito un immediato beneficio che si identifica, molto spesso, con la normalizzazione della curva di crescita. La circolazione extracorporea sopra i dieci chili di peso non necessita di aggiunta di prodotti ematici qualora vengano usate quelle tecniche particolari come l'emofiltrazione ed il recupero del "residuo prime". L'intervento pertanto viene eseguito routinariamente nei bambini al di sopra degli 8-10 Kg di peso corporeo senza l'impiego di sangue di banca, spesso associato ad un approccio estetico mini-invasivo (incisione cutanea di cinque centimetri) e con una ospedalizzazione di soli 3-4 giorni.

20/5/2004

28/6/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Soffre di una cardiopatia congenita"

DIV
Una nipotina affetta da DIV (difetto interventricolare) medio. L'intervento consiste nella chiusura completa del difetto.
Cardiopatia congenita: tronco arterioso
Alla ecografia è stata diagnosticata una malformazione cardiaca al feto. È necessario un intervento chirurgico per correggere l'anomalia.
Stenosi mitralica
La stenosi mitralica come cardiopatia congenita spesso spazia da forme di valvole "quasi normali" a forme più severe.
Una malattia al cuore non riconosciuta
Non hanno riconosciuto a mia figlia una rara malattia al cuore. Che spiegazioni ci sono per una mancata diagnosi? Risponde il pediatra.
Shunt cardiaco
Un piccolo shunt a livello atriale (o forame ovale pervio) è "quasi fisiologico" all'età di due mesi.
Cardiopatia congenita e crescita
Una cardiopatia congenita molto complessa può portare ad una scarsa crescita.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: è nutriente il mio latte?
Uno dei timori più diffusi nelle mamme durante l'allattamento al seno è di sapere se il proprio latte sia più o meno nutriente.
Ci siamo separati da pochi mesi e la nostra bambina soffre il distacco
Nostra figlia soffre il distacco per la nostra separazione. I consigli per farle accettare la nuova situazione senza troppi traumi.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Sport e allattamento
Non ci sono controindicazioni alla pratica di uno sport durante l'allattamento.
Stenosi congenita dei canali lacrimali
I suoi occhi continuano a lacrimare malgrado sia stato sottoposto a sondaggio delle vie lacrimali.

Quiz della settimana

Che cosa misura la sideremia?
Piombo
Rame
Ferro
Sodio