ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cardiopatia e sport

Per un bambino che soffre di una lieve cardiopatia è prevista una pratica sportiva con un’intensità che non superi il 60% della frequenza massima raggiunta al test ergometrico massimale.

a cura di: Dott. Gaetano Iachelli (medico sportivo)

Io ho un bambino di cinque anni al quale, a un paio di mesi dalla nascita, hanno diagnosticato una valvola aortica bicuspide. Da allora è sotto controllo prima ogni sei mesi; adesso ogni anno è sottoposto a ecocardiogramma. La cardiologa ha detto che, per ora, è sotto controllo nel senso che, da quando è stato diagnosticato ad adesso, non è variata la situazione: si parla di stenosi lieve. Tramite la cardiologa e internet sono riuscita a trovare parecchie risposte, l'unica cosa che non viene trattata nello specifico riguarda i tipi di sport che può praticare. Mi è stato detto che non può praticare sport che richiedono sforzi e "scatti" ma visto che adesso mi chiede di fare sport non so bene su cosa indirizzarlo. So che non potrà fare calcio, tennis, pallacanestro e sport simili ma per il resto non so. Nello specifico adesso vorrebbe fare karate, lo può fare? Ci sono altri sport che posso proporgli a parte il nuoto?

L’incidenza della  bicuspidia aortica è aumentata negli ultimi anni grazie al diffondersi dell’ecocardiografia, risultando oggi l’anomalia cardiaca congenita più frequente. Si tratta di un alterato sviluppo della valvola che alla fine risulta con due soli lembi anzichè tre e un orifizio ovalare eccentrico.

La bicuspidia aortica può associarsi ad altre anomalie come la coartazione dell’aorta e la progressiva dilatazione del bulbo con un aumento del rischio di dissezione.  Nel tempo è possibile che, a seguito di una maggiore turbolenza del flusso trans-valvolare, si possono verificare sia insufficienza che stenosi; da qui la necessità di monitorare nel tempo questi ragazzi.

Per valutare l’entità dell’alterazione valvolare è importante valutare il gradiente pressorio valvolare:

  • < 20 mmHg determina una stenosi aortica minima
  • > 20 mmHg determina una stenosi aortica emodinamicamente significativa.

Quindi, e arrivo spero ad una risposta esaustiva rispetto alla domanda, nel primo caso, se non vi è ipertrofia del ventricolo sinistro, se sono normali le dimensioni del bulbo aortico, normale la funzione ventricolare sistolica e diastolica, normale il videat delle coronarie e dell’aorta toracica, se risulta normale sia per il trend pressorio che per coronaropatia il test ergometrico massimale e non vi sono aritmie all’esame Holter effettuato con una seduta di allenamento, allora il ragazzo può tranquillamente praticare tutti gli sport, effettuando dei monitoraggi periodici.

Nel secondo caso è da bandire l’attività sportiva agonistica e va valutata l’eventualità cardiochirurgia. Per quanto riguarda l’attività sportiva possibile in questo caso, è prevista una pratica prescritta e adattata con un’intensità che non superi il 60% della frequenza massima raggiunta al test ergometrico massimale, in attività con prevalente impegno aerobico costante.

Anche per il nuoto tuttavia dipende dalla specialità (il nuoto sincronizzato per esempio ha delle caratteristiche di stimolo emodinamico non proprie aerobiche!!). La ringrazio per la domanda e spero di averle fornite delle informazione per continuare a far divertire suo figlio.

6/12/2010

3/6/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Cardiopatia e sport"

Cardiopatia congenita e crescita
Una cardiopatia congenita molto complessa può portare ad una scarsa crescita.
Cardiopatie congenite e genetica
Ho una figlia cardiopatica: quali rischi corro con i prossimi figli? L'esperto risponde.
DIV
Una nipotina affetta da DIV (difetto interventricolare) medio. L'intervento consiste nella chiusura completa del difetto.
DIV
Una buona parte dei DIV si riduce progressivamente e spesso si osserva una chiusura spontanea entro le prime due decadi di vita.
Una malattia al cuore non riconosciuta
Non hanno riconosciuto a mia figlia una rara malattia al cuore. Che spiegazioni ci sono per una mancata diagnosi? Risponde il pediatra.
Cardiopatia congenita: tronco arterioso
Alla ecografia è stata diagnosticata una malformazione cardiaca al feto. È necessario un intervento chirurgico per correggere l'anomalia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'obesità infantile
Negli ultimi decenni il numero di bambini con problemi di peso, in Italia come nel resto del mondo industrializzato, è costantemente aumentato.
Quali giochi per non annoiarla?
Si annoia con i giochi per la sua età. I consigli dei giochi da proporre per non annoiarla.
Temperatura in casa con un neonato
Quale temperatura deve essere tenuta in casa quando si ha un neonato? I consigli del Pediatra.
Neurofibromatosi
Con il termine di neurofibromatosi si intendono almeno sette diverse malattie genetiche. Nel 50% dei casi la malattia viene ereditata da un genitore affetto.
Poppata notturna del neonato
Non sempre è necessario dare la poppata notturna ad un neonato. I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti affermazioni riguardanti il paracetamolo è sbagliata?
Calma il dolore
Ha una forte azione anti-infiammatoria
Viene ben tollerato a livello gastrointestinale
Puo' essere somministrato durante l'allattamento