ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Che cosa sono i vaccini?

I vaccini sono sicuramente da considerarsi tra quelle conquiste in campo medico che hanno migliorato la qualità di vita dell'uomo.

I vaccini sono sicuramente da considerarsi tra quelle conquiste in campo medico che hanno migliorato la qualità di vita dell'uomo, riuscendo a debellare una delle principale cause di mortalità: le malattie infettive virali, che neanche la scoperta degli antibiotici avrebbe potuto modificare. Solo grazie all'introduzione delle vaccinazioni sono infatti scomparse gravi malattie, come il vaiolo, e stanno per scomparirne altre, come la poliomielite e la difterite, che per secoli hanno rappresentato un incubo dell'intera umanità. La pratica delle vaccinazioni è iniziata circa due secoli fa, quando Jenner riuscì a proteggere gli uomini dal vaiolo, inoculando loro un composto che chiamò "vaccino" perché estratto dalle lesioni (pustole) provocate nei bovini dal virus del vaiolo bovino.

Da allora sono aumentate le conoscenze in campo immunitario e sono state raffinate le tecniche di preparazione dei vaccini stessi, ma il principio sul quale si basano le vaccinazioni rimane sempre lo stesso: prevenire una malattia, non altrimenti curabile, facendo produrre all'organismo delle difese proprie (anticorpi) verso l'agente patogeno che ne è il responsabile. Solo la prevenzione può difenderci da alcune malattie e in molte situazioni l'unica prevenzione efficace è la vaccinazione: né le difese naturali dell'organismo, né uno stile di vita sano possono offrire in questo caso alcuna protezione. Anche le cure possono fare poco o niente: gli antibiotici, ad esempio, efficacissimi in altre situazioni, nulla possono contro una malattia da virus, come la poliomielite, o contro malattie dovute a tossine, come la difterite e il tetano. In sintesi quindi i vaccini possono essere considerati un vero metodo "naturale" di cura delle malattie, in quanto fanno sì che l'organismo, al momento opportuno, sappia difendersi da solo e bene dall'attacco di micidiali agenti patogeni.

1/10/2009

16/9/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino
Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino. I consigli della psicologa.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
Togliere o no i denti da latte?
E' necessario rivolgersi all'ortodonzista che è in gradi di valutare se è necessaria l'estrazione del dente da latte.
Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa