ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cheratosi pilare

La cheratosi pilare è caratterizzata dalla presenza di piccole papule cheratosiche, di colore ora bianco-grigiastro ora rossastro, localizzate in genere agli arti superiori.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Potrei avere qualche notizia in più sulla cheratosi pilare? E' stata diagnosticata a mio figlio di due anni ma non mi hanno dato soluzioni, solo che con la crescita passerà e nel frattempo idratare la zona. Veramente non c'è niente da fare?

La cheratosi pilare è caratterizzata dalla presenza di piccole papule cheratosiche, di colore ora bianco-grigiastro ora rossastro, localizzate in genere agli arti superiori, alle guance e agli arti inferiori, in particolare alla parte interna delle cosce. È dovuta all’ipercheratosi (in altre parole all’aumento dello spessore dello strato corneo della pelle) dei follicoli piliferi, che dà origine a piccole papule cornee la cui disseminazione conferisce alla cute un caratteristico aspetto "a grattugia" o "a pelle d’oca". Poiché le lesioni sono accentuate dalla cute secca, è più frequente osservarle durante i mesi invernali.

Compaiono inoltre più facilmente nei pazienti affetti da dermatite atopica. La cheratosi pilare tende a risolversi dopo i 30 anni di età. Le manifestazioni cutanee richiedono soltanto un’idratazione cutanea con blandi emollienti.

1/5/1998

29/8/2015

I commenti dei lettori

A mia figlia era comparso qualcosa di molto simile alla descrizione che leggo qui, che è scomparsa togliendo completamente il latte di mucca dall'alimentazione.Vale la pena di provare

roberta (RM) 29/07/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Abbigliamento in gravidanza
L'abbigliamento in gravidanza deve essere morbido evitando tutti i capi che costringono.
Polipo ombelicale del neonato
Il polipo ombelicale è una rara anomalia dovuta alla persistenza di tutto o in parte il dotto onfalo-mesenterico o dell'uraco. Le cure suggerite dall'esperto.
Una cura di anticorpi per il Virus Respiratorio Sinciziale
Da circa due anni abbiamo anche in Italia la possibilità di utilizzare gli anticorpi monoclonali contro il Virus Respiratorio Sinciziale (VRS).
Oggetto transizionale: tessuti che profumano di mamma
Perché i bambini ricorrono ad una copertina, ad un indumento, ad un peluche o ad un altro oggetto? Quale rassicurazione vi trovano? I consigli dello psicologo.
Piede torto congenito
Le è stato diagnosticato un piede torto congenito. Quali sono le cause e come bisogna intervenire.

Quiz della settimana

Qaule regione del corpo è coinvolta nell'idrocefalo?
Il rene
Il cranio
La vescica
La colonna vertebrale