ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cheratosi pilare

La cheratosi pilare è caratterizzata dalla presenza di piccole papule cheratosiche, di colore ora bianco-grigiastro ora rossastro, localizzate in genere agli arti superiori.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Potrei avere qualche notizia in più sulla cheratosi pilare? E' stata diagnosticata a mio figlio di due anni ma non mi hanno dato soluzioni, solo che con la crescita passerà e nel frattempo idratare la zona. Veramente non c'è niente da fare?

La cheratosi pilare è caratterizzata dalla presenza di piccole papule cheratosiche, di colore ora bianco-grigiastro ora rossastro, localizzate in genere agli arti superiori, alle guance e agli arti inferiori, in particolare alla parte interna delle cosce. È dovuta all’ipercheratosi (in altre parole all’aumento dello spessore dello strato corneo della pelle) dei follicoli piliferi, che dà origine a piccole papule cornee la cui disseminazione conferisce alla cute un caratteristico aspetto "a grattugia" o "a pelle d’oca". Poiché le lesioni sono accentuate dalla cute secca, è più frequente osservarle durante i mesi invernali.

Compaiono inoltre più facilmente nei pazienti affetti da dermatite atopica. La cheratosi pilare tende a risolversi dopo i 30 anni di età. Le manifestazioni cutanee richiedono soltanto un’idratazione cutanea con blandi emollienti.

1/5/1998

29/8/2015

I commenti dei lettori

A mia figlia era comparso qualcosa di molto simile alla descrizione che leggo qui, che è scomparsa togliendo completamente il latte di mucca dall'alimentazione.Vale la pena di provare

roberta (RM) 29/07/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura