ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Infezione da citomegalovirus

Il citomegalovirus è un virus responsabile di un'infezione molto comune, spesso senza sintomi. Viene trasmesso attraverso lo scambio di fluidi corporei come possono essere saliva, sangue, sperma.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Poiché un compagno d'asilo di mio figlio ha contratto una infezione da Citomegalovirus, vorrei avere informazioni sull'argomento e sulle precauzioni da mettere in atto per evitare il contagio.

Il Citomegalovirus è un virus appartenente alla famiglia degli Herpesvirus, che include altri virus che possono colpire l’uomo come il virus della varicella, il virus di Epstein-Barr (quello che provoca la mononucleosi infettiva o malattia del bacio) e il virus Herpes Simplex. citomegalovirusEsso è responsabile di un’infezione molto comune (tanto che l’80% delle persone ha già contratto l’infezione al raggiungimento dell’età adulta), asintomatica nella maggior parte degli individui, o che, qualche volta, causa una forma simil-influenzale.

Il Citomegalovirus viene trasmesso da individuo a individuo attraverso lo scambio di fluidi corporei come possono essere la saliva, lo sperma, il sangue (nel caso di trasfusione di sangue o di trapianto d’organo), le secrezioni vaginali, il latte materno e le urine. In genere il contagio in età pediatrica si verifica nei nidi e nelle scuole materne, quando i bambini e le maestre vengono in contatto con il Citomegalovirus attraverso la saliva o le urine presenti nei pannolini, oppure per mezzo dello scambio di giocattoli (che facilmente i bambini si mettono in bocca) contaminati dalla saliva o tramite le mani non lavate. Una volta che un individuo ha contratto una infezione da Citomegalovirus, il virus rimane latente nell’organismo per il resto della vita e può in alcune occasioni riattivarsi, senza dare solitamente alcun sintomo.

Ha un periodo di incubazione ancora non ben definito, ma che si presume vada da uno a quattro mesi. Come già detto l’infezione è in genere asintomatica mentre solo raramente compaiono sintomi simili a quelli di un’influenza oppure di una mononucleosi infettiva: febbre, mal di testa, eruzioni cutanee, stanchezza, dolori muscolari, ingrossamento dei linfonodi e un lieve interessamento epatico.

Nei pazienti immunocompromessi (ad esempio quelli affetti da AIDS o che sono in terapia con farmaci immunosoppressori o nei trapiantati) la malattia ha invece un decorso molto più grave che può portare a polmonite, encefalite, retinite (una grave infiammazione dell’occhio che può condurre alla cecità), encefalite, epatite, ulcerazioni dell’apparato digerente, riduzione del numero di piastrine e di globuli bianchi. La diagnosi viene confermata con la dimostrazione di un elevato aumento degli anticorpi contro il Cytomegalovirus e/o tramite l’isolamento del virus dalle urine, dal sangue o dalla saliva. La terapia, in considerazione della benignità dell’infezione, è consigliata solo nei pazienti immunodepressi, dove è indicato l’uso di potenti farmaci anti-virali, che tuttavia danno importanti effetti collaterali. Non esiste alcun vaccino contro il virus.

Poiché una volta contratta l’infezione, il paziente continua ad eliminare per lungo tempo (anche per moltissimi mesi) il virus attraverso l’urina e la saliva, il miglior modo per evitare il contagio è lavarsi accuratamente le mani ed evitare contatti con le secrezioni dei bambini.

17/11/1999

9/4/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Infezione da citomegalovirus"

I linfonodi ingrossati
I linfonodi ingrossati possono essere un segno di mononucleosi infettiva, una malattia in cui il sistema linfatico.
Varicella in gravidanza
La varicella in gravidanza può avere conseguenze diverse per il feto in base al periodo di gravidanza.
Stomatite virale da Herpes
La stomatite virale da Herpes riempie la bocca di vescichette dolorose. E' un'infezione comune fra i bambini che frequentano le scuole materne.
Herpes
Herpes al labbro: il consiglio migliore è curarsi subito, appena si sente un leggero prurito.
Herpes e allattamento
Sto allattando e ho l'Herpes: può essere pericoloso per il mio bambino? Non vorrei contagiarlo.
Eczema atopico infetto
L'eczema atopico infetto non è una malattia contagiosa. E' una complicazione della dermatite atopica. Le cure e la terapia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore