ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La colite

La colite è una malattia che fortunatamente, almeno nella maggior parte dei casi, si limita ad essere blanda e poco invasiva.

a cura di: Dott. Maurizio Aricò (oncoematologo pediatra)

A mio figlio di otto anni è stata diagnosticata una forma di colite. Vorrei sapere quali sono gli accorgimenti alimentari migliori e le eventuali cure.

La colite è una malattia che fortunatamente, almeno nella maggior parte dei casi, si limita ad essere blanda e poco invasiva; le eccezioni sono rappresentate da forme più complesse (Rettocolite, morbo di Crohn) che si presentano con sintomi molto marcati e severi, che il pediatra non mancherà di riconoscere prontamente.

Più spesso si tratta di bambini con irregolarità delle scariche e meteorismo addominale, in cui non sono presenti alterazioni gravi dell'intestino. Per lo più si limita ad alterazioni funzionali che causano periodi di disagio, magari alternati ad altri di maggior benessere. Questi bambini mostrano, a volte, in occasione di fenomeni di colite, segni di squilibri psico-affettivi che possono facilitare l'irritabilità intestinale, accentuandone i disturbi. Non esistono cure specifiche per la "colite", nel bambino come nella maggior parte dei casi nell'adulto. Servirà tanta pazienza e serenità nello stargli vicino, meglio se con la convinzione che il bambino, più che malato, è di fatto disturbato da uno stato funzionale che, pur smascherando una sua propensione individuale a manifestare disturbi di questo tipo, non costituisce una vera e propria "malattia importante". Non è necessario che il bambino segua una dieta veramente specifica. È utile piuttosto che sia aiutato a mangiare in maniera regolare, evitando i "pasticci" e le irregolarità eccessive; le bevande gassate, che pur tanto possono piacere ad alcuni, facilitano il gonfiore dell'addome, specie se bevute in misura eccessiva, e quindi aumentano il disagio.

Le consiglierei di rimanere in contatto con il/la suo/sua pediatra di fiducia ed insieme di seguire il piccolo con fiducia ed affetto, senza troppo interventismo.

25/1/2001

19/5/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La colite"

Muco nelle feci
Ha scariche di diarrea che spesso sono accompagnate dal muco. I numerosi accertamenti non ci hanno portato a nulla. I consigli del pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta