ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Il complemento

Il complemento è un sistema formato da proteine che fa parte dei complessi meccanismi immunologici che sono preposti alla difesa del nostro organismo dall'attacco dei vari virus o batteri.

a cura di: Dott. Valdo Flori (pediatra)

La mia bambina di quattro anni, affetta da pseudallergie alimentari, dopo aver consumato del pomodoro ha avuto una forte crisi allergica con prurito e bruciore a piedi e mani, dolori articolari, chiazze rosse sulle orecchie e profonde occhiaie. Prima di identificare la causa nel pomodoro, il pediatra aveva avuto il sospetto di una carenza del complemento C3 e C4, diagnosi poi annullata. Nessuno mi ha voluto spiegare né prima né dopo che cosa significasse e quali conseguenze avrebbe potuto avere. Potete togliermi questa curiosità?

Il Complemento è un sistema formato da almeno 15 proteine (che nella pratica vengono identificata con la lettera C seguita da un numero, es. C1, C2, C3, C4, etc…), che fa parte dei complessi meccanismi immunologici che sono preposti alla difesa del nostro organismo nei confronti dell’attacco dei vari microrganismi (virus o batteri). Le varie frazioni del Complemento interagiscono tra di loro attivandosi a vicenda, a "cascata" come si suol dire, una volta innescato il processo di attivazione, che di solito è scatenato dall’entrata in funzione dei sistemi di difesa dell’organismo.

Alcune volte però l’attivazione del Complemento può essere essa stessa la causa di lesioni e quindi produrre delle malattie: vi sono molte patologie che riconoscono questa origine. Inoltre la mancanza ereditaria di uno o più fattori del Complemento può facilitare l’insorgenza di malattie infettive ricorrenti o malattie su base immunitaria (ad esempio le vasculiti); oppure ad esempio l’Angioedema ereditario di Quinke (un particolare tipo di orticaria) riconosce la sua origine nella carenza ereditaria di un enzima (inibitore della C1 esterasi), che determina l’attivazione del Complemento e formazione di sostanze responsabili della patologia.

Come si può sapere se il sistema del Complemento è stato attivato ed è quindi in gioco in una determinata malattia? Quando il sistema del Complemento si attiva, "consuma" alcune sue frazioni, per cui se si va a dosare nel sangue la quantità di queste frazioni, si trovano diminuite: dosare quindi una frazione del Complemento e trovarla diminuita è un sistema indiretto per saper se il Complemento è stato attivato e quindi può essere in causa in quella determinata malattia. Nella pratica corrente di solito vengono dosate due frazioni del Complemento: C3 e C4. Lo scopo è quello di orientare o escludere la diagnosi verso alcune patologie nelle quali è in causa l’attivazione del sistema del complemento o la mancanza congenita di alcune sue frazioni. Questo probabilmente era lo scopo dell’indagine fatta dal suo pediatra.

1/5/1998

28/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Sintomi e cure della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
Svezzamento dei bambini a 6 mesi
I consigli dei nostri esperti per lo svezzamento dei bambini a 6 mesi.
Dentista e gravidanza
Sono in cura dal dentista per una carie ed ho scoperto di essere incinta. Posso continuare la cura anche in gravidanza?
Glioma: un tumore al cervello
Il glioma è un tipo di tumore che inizia nel cervello o della colonna vertebrale. E' chiamato glioma, perché nasce da cellule gliali.

Quiz della settimana

Parlando dei mucolitici, è corretto affermare che:
Calmano la tosse
Vanno somministrati insieme ai sedativi della tosse
Fluidificano il catarro
Fanno abbassare la febbre