ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Fa male tenere un computer in camera?

E' buona norma sostare il minor tempo possibile in vicinanza di un qualsiasi elettrodomestico mosso da un apparato elettrico a motore.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Nella stessa stanza dove dovrà dormire mio figlio ho un personal computer. Volevo sapere se ci sono delle controindicazioni al fatto che il bimbo sia vicino ad un'apparecchiatura elettronica.

Ogni giorno ognuno di noi è sottoposto all'azione delle onde elettromagnetiche, una forma di energia invisibile che è presente in natura (creata dal calore, dall'elettricità atmosferica, dal magnetismo planetario), ma che è soprattutto generata da qualsiasi motore elettrico, come nel caso ad esempio di televisori, computer, lavatrici, frigoriferi, aspirapolvere, forni a microonde e di moltissimi altri elettrodomestici. I primi studi sulla pericolosità delle radiazioni elettromagnetiche risalgono alla fine degli anni 80 quando furono pubblicate alcune ricerche che dimostravano un aumento dell'incidenza di tumori (soprattutto leucemie nei bambini e tumori del cervello negli adulti) in coloro che abitavano a meno di 300 metri dai tralicci dell'alta tensione. Altri studi successivi diedero risultati opposti o per lo meno non conclusivi.

Pochi mesi fa il Dipartimento dell'Energia del Governo Americano ha sospeso un progetto di ricerca sull'argomento (che sarebbe dovuto durare altri 15 anni) per l'inconsistenza delle prove a favore della nocività delle onde elettromagnetiche. Ma al contrario nel 1995 l'Istituto Superiore di Sanità Italiano ha diramato un documento in cui viene ritenuta credibile un'interpretazione causale dell'associazione tra leucemie infantili ed esposizione a campi elettromagnetici a 50/60 Hz (quelli, per intenderci, presenti in vicinanza degli elettrodotti ad alta tensione).

In attesa che vengano realizzate ricerche meno contraddittorie e contrastanti, è comunque buona norma sostare il minor tempo possibile in vicinanza di un qualsiasi elettrodomestico mosso da un apparato elettrico a motore, sia esso una lavapiatti o un frullatore o un asciugacapelli. E questo vale, ovviamente, in particolar modo per i bambini.

1/12/1997

5/3/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica