ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Schede di Pediatria per Famiglie

per la salute del tuo bambino

La corretta alimentazione del bambino

In età prescolare e scolare si impostano e consolidano le abitudini alimentari del bambino. E' fondamentale che la famiglia contribuisca allo sviluppo di uno stile alimentare salutare.

In età prescolare e scolare si impostano e consolidano le abitudini alimentari del bambino. E’, quindi, di fondamentale importanza che in questa fase della vita la famiglia e la scuola contribuiscano allo sviluppo di uno stile alimentare salutare, che possa permanere anche nell’età adulta.

Il progressivo cambiamento dello stile della vita e dei ritmi lavorativi della società moderna hanno portato a profonde modificazioni delle abitudini alimentari familiari, con la diffusione nella popolazione infantile di un’alimentazione scorretta, che ha provocato un introito eccessivo di calorie, proteine di origine animale, grassi saturi, sodio e una carenza, invece, di glucidi complessi, fibra, vitamine e sali minerali.

Agli errori nutrizionali si associano la monotonia della dieta, un’errata distribuzione dell’assunzione calorica durante la giornata, una prima colazione assente o insufficiente, pasti nutrizionalmente non adeguati, intervallati da troppi spuntini poco salutari. Nei bambini e nei ragazzi, abitudini alimentari scorrette hanno portato a un aumento della frequenza di sovrappeso e obesità, derivante anche dall’eccessiva sedentarietà.

Per promuovere una crescita armonica e uno sviluppo corretto è importante educare i bambini a consumare un’ampia varietà di alimenti. Attraverso una corretta alimentazione associata a un’attività fisica regolare si può prevenire il sovrappeso e ridurre il rischio di sviluppare malattie cronico-degenerative (come le malattie cardiovascolari, il diabete, l’ipertensione) in età adulta.

Le fondamenta delle abitudini alimentari si costruiscono in ambito familiare. Anche la scuola materna ed elementare, attraverso la mensa, ha un ruolo preventivo, in quanto interviene in età precoce quando le abitudini alimentari sono ancora in formazione, agisce su un numero sempre più vasto di utenti in età evolutiva, indirizzando correttamente le scelte alimentari del bambino e della famiglia.

Quindi, genitori ed educatori devono impegnarsi per contribuire a sviluppare nel bambino una coscienza alimentare autonoma e consapevole, che permetta loro di fare scelte nutrizionali corrette, promuovendo anche una sana e regolare attività fisica.

Materiale tratto dal sito di Automedicazione.it

21/6/2006

2/9/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Citomegalovirus in gravidanza
Il Citomegalovirus è un virus della famiglia degli Herpes. In gravidanza, il Citomegalovirus può causare parecchi problemi.
Congiuntivite virale
Da cosa è provocata la congiuntivite virale? Le precauzioni per evitare il contagio.
Latte HA o ipoallergenico
Come si può determinare se un neonato ha bisogno di un latte ipoallergenico? I consigli del Pediatra.
Come si raccolgono le urine per l'urinocoltura?
Per avere risultati attendibili nell'esame delle urine è necessario rispettare alcune regole nella raccolta.
Il bambino che morde
Dopo l'anno di età il bambino morde per scoprire quello che lo circonda. Dopo i due-tre anni diventa un modo per esprimere rabbia e intimidire i coetanei.

Quiz della settimana

Con che frequenza compaiono i cosiddetti "dolori di crescita" nei bambini sani?
2-3%
5-10%
10-20%
20-30%