ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Il cortisone

Il cortisone è il più potente antiinfiammatorio a disposizione del medico per la cura di numerose malattie, tra le quali alcune patologie dell'apparato respiratorio.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

La mia piccola di quattro anni e mezzo è spesso soggetta a bronchiti: ultimamente le è stata diagnosticata una bronchite asmatica trattata con aerosol di mucolitici e salbutamolo, con cortisone per bocca e con un antibiotico della classe dei macrolidi. Quello che mi lascia un poco stupita è il cortisone che risveglia, nei non addetti ai lavori, vecchi fantasmi. Vi sarei molto grata se voleste spiegare come agisce il cortisone, i suoi effetti collaterali e soprattutto quando é veramente necessario somministrarlo nell’ambito delle infezioni alle vie respiratorie.

Il cortisone è il più potente antiinfiammatorio a disposizione del medico per la cura di numerose malattie, tra le quali alcune patologie dell'apparato respiratorio. cortisone cortisoloLa potenza ed efficacia del farmaco deriva dalla sua capacità di penetrare nelle cellule, attraverso una porta chiamata recettore per i glucocorticoidi, riducendo la produzione di molecole pro-infiammatorie ed agendo sulla sintesi del DNA cellulare. Il cortisone in realtà è la copia di un ormone normalmente prodotto dalle nostre ghiandole surrenali: il cortisolo.

La sua somministrazione dall'esterno determina, come per qualsiasi altro ormone, una regolazione negativa (bio-feedback) nei confronti del cortisolo endogeno, con conseguente blocco della produzione ormonale. Allo stesso tempo l'eccesso di cortisone, introdotto per via esterna, causa una serie di sintomi quali: iperglicemia, ritenzione di liquidi, aumento di peso, ritardo della crescita staturale, osteoporosi (rarefazione della matrice ossea), irsutismo (aumento della peluria corporea) ed acne. Tutti questi importanti effetti collaterali, che hanno indotto alla steroidofobia (paura di usare il cortisone), si verificano solo per dosi di farmaco elevate e per terapie di lunga durata (superiori ai 15 giorni).

Non si verificano invece effetti collaterali sistemici per un uso locale (aerosol, creme) ed a basso dosaggio del farmaco (per via aerosolica o con spray pre-dosati). L'uso del cortisone a dosaggio pieno e per brevi periodi (3-7 giorni) non può assolutamente causare sintomi di tipo ormonale.

La malattia respiratoria per la quale trova sicura indicazione, per via sistemica (orale o intramuscolare), è l'asma bronchiale nella sua fase acuta. Molto utili ed utilizzate sono le formulazioni topiche (aerosol o spray) nella prevenzione della crisi asmatica. Può essere usato come farmaco di supporto nella terapia delle più comuni e banali infiammazioni delle vie aeree. Altra patologia delle vie aeree che si giova, in modo netto, dell'uso per pochi giorni del cortisone per bocca è la tonsillite recidivante da Adenovirus.

L'infiammazione è comunque un processo di difesa naturale dell'organismo, così come la febbre, e non sempre è necessario eliminarla. L'uso degli antiinfiammatori e quindi del cortisone deve essere deciso esclusivamente dal medico sulla base dell'entità del sintomo in atto.

24/1/2000

2/2/2013

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il cortisone"

Disidrosi
La disidrosi è un disturbo della pelle con prurito, formazione di vescicole e desquamazione alle dita delle mani e dei piedi.
Eczema atopico infetto
L'eczema atopico infetto non è una malattia contagiosa. E' una complicazione della dermatite atopica. Le cure e la terapia.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Cortisone per aerosol
È pericoloso usare a lungo il cortisone per aerosol? La mia bambina soffre di bronchite asmatica.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
Cortisone in spray nasale per le adenoidi
Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Arresto della crescita
Molte possono essere le cause dell'arresto della crescita in una bambina piccola.
E' veramente allergico all'uovo?
Dopo aver mangiato l'uovo ho notato delle chiazze rosse intorno alla bocca e sul mento. La manifestazione che manifesta fa pensare all'allergia all'uovo.
Incompatibilità da RH in gravidanza
L'identificazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh deve essere sempre fatta all'inizio della gravidanza per tutelare la salute fetale.
Allattamento al seno e lavoro
Il bambino si abituerà facilmente al cambiamento di orario dell'allattamento dovuto al rientro al lavoro. non bisogna sentirsi in colpa.
Allergia e infezioni respiratorie
La relazione esistente tra allergie ed infezioni respiratorie è un capitolo molto controverso soprattutto nel bambino sotto i sei anni.

Quiz della settimana

Bambino di 12 anni che gioca a calcio, da qualche tempo presenta un dolore proprio sotto il ginocchio, che lo fa zoppicare subito dopo l'allenamento. Qual è la causa più probabile della sua sintomatologia?
Malattia di Osgood-Schlatter
Una patologia del menisco
Un reumatismo
Una infiammazione della cartilagine del ginocchio