ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cortisone per la febbre

Il cortisone abbassa la febbre, ma non è da proporre come antifebbrile, se non in situazioni eccezionali. In caso di uso prolungato gli effetti collaterali diventano importanti.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Vorrei chiedervi notizie sul cortisone. Vorrei sapere a cosa serve essenzialmente e, visto che la mia pediatra lo prescive a mia figlia quando non gli scende la febbre con la tachipirina, se è anche un antifebbrile. E` meglio tenere la bambina per 4 giorni con la febbre oltre 39 oppure dale una pastiglietta di cortisone e vederla "sfebbrarsi" nel giro di 8 ore circa?

Il cortisone è un ormone prodotto naturalmente dall'organismo, più esattamente a livello delle ghiandole surrenaliche (cioè che stanno sopra i reni); esso agisce sul metabolismo in tanti modi: aumenta la produzione di glucosio (zucchero) e di proteine aumenta l'assorbimento e il deposito di grasso riduce l'assorbimento di calcio deprime alcune cellule del sistema immunitario (e, in generale, l'infiammazione) stimola la produzione di acido nello stomaco aumenta l'appetito. Di per sè, il cortisone non è nè buono nè cattivo: è una sostanza naturale, la cui funzione principale è quella di preparare l'organismo all'azione, attivando le fonti di energia e il metabolismo.

Per questo motivo, l'organismo lo produce soprattutto al mattino, mentre i livelli nel sangue sono minimi la sera. In medicina, come spesso accade anche per altre sostanze, lo utilizziamo esasperando uno dei suoi effetti, in quanto magari utile in certe situazioni. In particolare, l'effetto normalmente sfruttato è quello di depressore delle reazioni immunitarie e dell'infiammazione. In questo senso, è indicato per via generale (per bocca, intramuscolo o in vena) nelle situazioni in cui è un eccesso di reazione a causare la malattia (malattie allergiche gravi: asma grave, orticaria grave, anafilassi; forme reumatiche gravi; malattie renali) oppure contro i tumori del sangue (leucemie, linfomi) oppure come ormone vero e proprio (disfunzioni ormonali).

Ovviamente, abbassa anche la febbre, ma non mi sentirei di proporlo come antifebbrile, se non in situazioni eccezionali. Infatti, in caso di uso prolungato o ripetuto di farmaci cortisonici, gli effetti collaterali diventano importanti: diabete, obesità, osteoporosi, ulcera, glaucoma, ritenzione di liquidi, smagliature e altro. Quanto detto vale solo in caso di somministrazione per via generale; come preparato locale è invece molto più sicuro e trova indicazioni di larghissimo impiego: creme per l'eczema, soluzioni per l'aerosol nell'asma o nella laringite. Il cortisone non può essere considerato un normale farmaco per la febbre, se non in situazioni limite.

Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo; in caso di insufficiente risultato, può essere utilizzato l'acido acetilsalicilico o gli antiinfiammatori non steroidei (ketoprofene, ibuprofene, nimesulide, ecc). Ricordi comunque che, di per sè, la febbre non richiede di essere controllata, almeno fino a quando non sia di eccessivo fastidio per il bambino, e che rimedi fisici (spugnature, spogliare il bambino, farlo bere) sono altrettanto utili dei farmaci.

1/3/1998

9/12/2016

I commenti dei lettori

Avevo un brutto ricordo delle spugnature ed invece mi sono ricreduta. Dopo aver visto mia figlia vomitare l'impossibile perché evidentemente le gocce di tachipirina fanno schifo e dopo aver visto che non riuscivo più a cambiarle il pannolino perché aveva paura della supposta, l'ultima febbre che ho dovuto affrontare ho spogliato la bimba e l'ho bagnata con l'acqua fredda. Ha pianto come una matta qualche secondo poi si è calmata e la febbre mi sembra sia scesa più velocemente rispetto ai tempi del paracetamolo. D'ora in poi terrò la tachipirina solo come ultimatum..

Ester (MI) 19/11/2011

non date medicinali ai bimbi piccoli se non strettamente necessari, i farmaci non aiutano in previsione futura i vostri bimbi! é tutto un commercio e i rappresentanti di farmacia sono persone ke per vendere offrono viaggi e regali in genere, ATTENTE!!!

luana (LE) 26/11/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Cortisone per la febbre"

Con la febbre si cresce?
La crescita del bambino in corso di febbre è una credenza delle nonne. Nessuno può misurare una variazione di così piccola entità.
A quattro mesi ha già fatto tre cicli di antibiotico
Come possiamo aiutarla ad espellere il catarro? Ci sono in commercio gocce per liberare meglio il nasino?
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Eczema atopico infetto
L'eczema atopico infetto non è una malattia contagiosa. E' una complicazione della dermatite atopica. Le cure e la terapia.
Disidrosi
La disidrosi è un disturbo della pelle con prurito, formazione di vescicole e desquamazione alle dita delle mani e dei piedi.
La dengue
La dengue è una grave malattia infettiva tropicale, qualche volta mortale, causata da un virus che si trasmette da una persona all'altra attraverso zanzare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Calazio ricorrente
La terapia medica (colliri e pomate antibiotiche associate a cortisonici) può fare regredire i calazi, se instaurata in tempo.
E' morbosamente attaccata ai nonni
Da sempre i nonni coccolano e viziano i nipoti. E' un rapporto stupendo, fatto di giochi e di complicità.
Rigurgito nel neonato
Il rigurgito dopo i pasti è assolutamente normale e non preoccupante, a patto che il neonato cresca normalmente.
Fino a quando sterilizzare il biberon?
La sterilizzazione degli oggetti destinati a essere introdotti in bocca è assolutamente necessaria almeno nei primi 4-5 mesi di vita.
La montata lattea
Normalmente la montata lattea arriva circa 5 o 6 giorni dopo il parto. I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Cosa è la malattia di Kawasaki?
Colpisce giovani adolescenti che vanno molto in motocicletta
E' un tipo di tumore che colpisce soprattutto i bambini giapponesi
E' una malattia dei vasi sanguigni
E' una malattia inventata