ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Crisi lipotimica

Hanno diagnosticato a mio figlio una crisi lipotimica. Come possiamo prevenirla?

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Vorrei gentilmente sapere quanto più possibile sulla crisi lipotimica che è stata diagnosticata in data odierna a mio figlio presso un centro pediatrico di pronto soccorso! Che fare, come prevenirla, quanto dura negli anni, ecc

Per lipotimia il Dizionario Medico intende una sindrome caratterizzata da malessere profondo, astenia muscolare, annebbiamento della vista, nausea, pallore, sudorazione profusa, respirazione sospirosa; è affine alla sincope, ma a differenza di questa manca la perdita di coscienza. Per lo più è collegata a disturbi emozionali come sensazioni di paura, dolore, angoscia, apprensione e all'affaticamento. Spesso la causa può essere la posizione in piedi o raggiunta velocemente o tenuta a lungo in un ambiente caldo e poco ventilato. Il lettore non specifica altro per cui si suppone che al Pronto Soccorso abbiano fatto una anamnesi approfondita e niente altro oltre la visita. E' stata omessa anche l'età, fattore sempre molto importante in pediatria.

Di solito la lipotimia e la sincope sono rare prima dei 10-12 anni di età e sono abbastanza diffuse negli adolescenti. Qualora l'episodio lipotimico si verificasse di frequente, con una anamnesi povera di sintomi emozionali, sarà corretto affidarsi al curante per un approfondimento.

25/7/2001

12/9/2015

I commenti dei lettori

Anche la mia bambina di sei anni e mezzo venerdì mattina ha avuto una crisi lipotimica, a seguito della somministrazione del vaccino obbligatorio per la sua età. Ha iniziato a girarle la testa, è diventata pallida ed il medico del centro vaccinazione le ha fatto una iniezione de Bentelan. sembrava si fosse ripresa, ma dopo nemmeno cinque minuti, si è sentita di nuovo male: Pallida, aveva le occhiaie, era completamente abbandonata su se stessa e sudava freddo. A quel punto il medico le ha dato l'ossigeno ed ha chiamato il 118. In ospedale, dopo tutti i controlli del caso (analisi del sangue, ecg, visita) è stata in osservazione per 24 ore e dopo dimessa. Io sono convinta che tutto ciò è successo perchè aveva molta paura. C

(AG) 16/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1).
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica