ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Dermatite atopica: da quando va in piscina è peggiorata

La piscina può far peggiorare la dermatite atopica? L'acqua fa bene, ma il cloro può essere irritante anche per bambini senza dermatite atopica.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mio figlio ha sedici mesi e soffre di dermatite atopica. Portandolo in piscina ho l'impressione che la dermatite aumenti. È realmente così? Il disinfettante utilizzato nelle piscine può irritare ulteriormente la pelle? Per evitare ulteriori irritazioni è sufficiente ridurre il tempo di permanenza in acqua (magari solo dieci minuti?)

Il disinfettante contenuto nelle piscine (prevalentemente cloro), può essere irritante già in bambini senza problemi di dermatite atopica, sia sulla pelle che a livello delle mucose. Quanti bimbi con gli occhi irritati e arrossati dopo un bagno in piscina! Chiaramente l'azione irritante che si attua su una pelle non integra e in preda a lesioni di tipo atopico è sicuramente superiore. A ciò va aggiunta la possibilità di eventuali infezioni della pelle (micosi soprattutto) tipiche della piscina, che trovano terreno ideale sugli eczemi della dermatite atopica. Ecco perché, per evitare questi problemi, il consiglio è di abbandonare la piscina, evitando al bimbo inutili problemi e di aumentare i soggiorni marini estivi, dove il sole e l'acqua di mare saranno sicuramente più utili al suo piccolo.

3/12/2003

20/4/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Dermatite atopica: da quando va in piscina è peggiorata"

La faccia dell'allergico
Si puo' riconoscere dai lineamenti una bambina allergica? Uno dei segni più evidenti è rappresentato dall'"occhio pesto allergico".
Le cure termali nella dermatite atopica
Le cure termali sono utili nella dermatite atopica, in quanto migliorano le lesioni della pelle.
Dermatite atopica o dermatite seborroica?
La dermatite atopica è una malattia della pelle tipo eczema. La dermatite seborroica comporta un eccesso di sebo.
Asma e dermatite atopica
La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni.
Neonati in piscina
L'età non è una controindicazione alla pratica del nuoto e della acquaticità. Anche i neonati possono andare in piscina.
Dermatite atopica nei bambini
La dermatite atopica: tutti i consigli per curare questa malattia cutanea.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta