ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha una brutta diarrea

Il microrganismo in causa appartiene al genere "Campylobacter" ed è un tipo di batterio che nell'uomo è in grado di produrre infezioni sia intestinali che extraintestinali che causano diarrea.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Mia figlia di quasi dieci mesi ha avuto la scorsa settimana una diarrea con emissione di feci maleodoranti con muco e sangue. Dall'esame delle stesse è risultata la presenza del Campylobacter. Mi potete illuminare sull'argomento a me sconosciuto finora?

Il microrganismo in questione appartiene al genere "Campylobacter" ed è un tipo di batterio che nell'uomo è in grado di produrre infezioni sia intestinali che extraintestinali. Le infezioni da esso prodotte sono diffuse in tutto il mondo ed ampio è il numero di animali (bovini, ovini, suini, gatti, roditori, uccelli), sia liberi che domestici, che possono ospitare questo batterio nel loro tratto intestinale.

La maggior parte delle infezioni umane deriva dall'ingestione accidentale di cibi poco cotti contaminati (pollame) o bevande (soprattutto acqua) contaminate. Tuttavia sono importanti anche la via di acquisizione dell'infezione attraverso il contatto con animali da appartamento infetti (cuccioli di cane e gatti affetti da diarrea) oppure per trasmissione oro-fecale da persona infetta a persona suscettibile.

La diarrea da Campylobacter (della specie "jejuni") non è molto frequente nei paesi industrializzati: questo batterio è responsabile del 5-6 % delle diarree acute. Sono colpiti più i maschi delle femmine, soprattutto nei primi cinque anni di vita. Una caratteristica della diarrea acuta da Campylobacter è che le feci, pressoché sempre, sono liquide e con evidente presenza di sangue. Solitamente l'evoluzione è favorevole nel giro di pochi giorni.

La diagnosi precisa avviene attraverso la dimostrazione colturale del Campylobacter jejuni nelle feci del paziente. I casi lievi non richiedono trattamento antibiotico, così come dovrebbe avvenire per la grande maggioranza delle diarree acute, per le quali è soprattutto importante la reintegrazione di liquidi e di sali minerali. Nel caso sia necessario un trattamento antibiotico, il farmaco di scelta è l'Eritromicina.

11/12/2001

1/11/2015

I commenti dei lettori

ma per la cura antibiotica va bene anche il macladin?

fabrizio (PG) 20/09/2012

Il Macladin (claritromicina) può essere efficace contro il campylobacter. Il dubbio si risolve facilmente verificando la sensibilità ai vari antibiotici (antibiogramma) del microbo evidenziato alla coprocoltura.

Lo staff di mammaepapa.it 24/09/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha una brutta diarrea"

Disturbi intestinali
Ha scariche di diarrea tre-quattro volte al giorno da parecchi mesi.
Una diarrea che non passa
Alterna scariche di diarrea più o meno brutte da diverse settimane. La diarrea cronica aspecifica è una condizione non preoccupante.
Muco nelle feci
La mucorrea (emissione di notevoli quantità di muco nelle feci) può essere segno di problemi intestinali del bambino.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Bambino con diarrea persistente
Problemi di diarrea persistente non sono rari nel bambino soprattutto dopo una infezione intestinale virale.
Infezione da Rotavirus
I rotavirus prendono questo nome perché appaiono al microscopio a forma di ruota. La trasmissione avviene attraverso il contatto con persone infette.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1).
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica