ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Una diarrea che non passa

Alterna scariche di diarrea più o meno brutte da diverse settimane. La diarrea cronica aspecifica è una condizione non preoccupante che non si accompagna a rallentamento della crescita.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Sono la mamma di un bimbo di circa 17 mesi. Tre mesi orsono il bimbo ha contratto la sesta malattia ed ha iniziato ad avere frequenti scariche (al massimo 3-4 giornaliere) diarroiche. Si è cercato di porvi rimedio con l'assunzione di fermenti ed una dieta opportuna. Le scariche sono diminuite e le feci pian piano si sono risolidificate. A tutt'oggi continua ad avere alternativamente scariche diarroiche (per intenderci da molli a molto molli) di un color giallastro (al massimo 1-2 al dì). Da cosa può dipendere: dall'alimentazione o altro?

La diarrea in un bambino, peraltro di normale costituzione fisica e con crescita soddisfacente, tenuto conto di una certa variabilità legata al tipo di agente infettivo (virus, batteri o protozoi), alla carica infettante, alla peculiarità dell'organismo del bambino stesso ha, generalmente, un decorso acuto (meno di una settimana) ed è si autolimita. Tuttavia, in molti casi, la mancata o tardiva "eliminazione" dell'agente infettante, oppure il malassorbimento secondario per grave lesione dell'epitelio intestinale od ancora l'ipersensibilità alimentare acquisita possono dar luogo ad una "diarrea protratta" che può determinare un significativo rallentamento della crescita ponderale: si tratta della cosiddetta "sindrome post-enteritica", che riconosce quasi sempre un'eziopatogenesi [N.d.R.: è lo studio delle cause (eziologia) e dei processi patologici che producono una malattia (patogenesi)] non infettiva (poli-ipersensibilità alimentare oppure enteropatia autoimmune).

In effetti, la sensibilizzazione ad allergeni alimentari, per esempio l'ipersensibilità alle proteine del latte vaccino, rientra tra le possibili complicanze della diarrea acuta. In questi casi è indicata una dieta opportuna, che preveda in primo luogo il ricorso a latte "dietetico" (da formule prive di lattosio a formule prive di proteine del latte vaccino o con proteine idrolisate), per un periodo più o meno lungo, in attesa del ripristino della regolarità dell'alvo. Altre volte, specie nel bimbo del primo o secondo anno di vita, la diarrea si presenta con elevata ricorrenza (diarrea cronica aspecifica); si tratta di una condizione frequente ma non perfettamente conosciuta nella sua eziopatogenesi che, spesso, può rendersi evidente in conseguenza di un episodio di diarrea acuta.

Clinicamente il disturbo è tipico: l'alvo è usualmente frequente, ma non perfettamente diarroico, con brevi periodi di quiete e brevi periodi di riesacerbazione. Le feci sono sfatte e contengono residui vegetali, più compatte al mattino e progressivamente più fluide e mucose alla sera. La diarrea cronica aspecifica è una condizione non preoccupante che non si accompagna a rallentamento della crescita e non si avvale di indicazioni terapeutiche utili a modificarla.

8/1/2002

26/3/2014

I commenti dei lettori

Buongiorno, il mio bambino ha 16 mesi. Nel mese di agosto ha contratto la varicella e poi la bronchite.A settembre ha iniziato ad andare al nido. Ha preso di nuovo la bronchiete e poi l'utite con la perforazione della membrana dell'orecchio.E' più di un mese che prende l'antibiotico e l'antinfiammatorio.Ora ha la diarrea (è molto molle e non digerita).Potrebbe dipendere dal fatto che ha assunto per molto tempo dei farmaci?Io cerco di aiutarlo con i fermenti lattici e con le vitamine.

SILVIA (AN) 02/11/2010

CIAO PURTROPPO CONOSCO BENE IL PROBLEMA! LA MIA 2 FIGLIA DI ORA 18 MESI HA LA DIARREA DAI 3 MESI QUANDO HA INIZIATO IL LATTE ARTIFICIALE! CON CONSEGUENTE RALLENTAMENTO CRESCITA PONDERALE.DIAGNOSI ALLERGICA  ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO! E' MOLTO DIFFICILE STARE ATTENTI A NON FARLE MANGIARE NIENTE CHE LO CONTENGA MA ABBIAMO IMPARATO TUTTI PARENTI COMPRESI E COSI' DA 1 MESE STA' MEGLIO SI E' INCICCITA E ANCHE ALLUNGATA! ORMAI E' ABITUATA AL SUO "LATTE " DI RISO E FORMAGGIO DI CAPRA OGNI TANTO X CONTENTINO...CORAGGIO E SPERIAMO PASSI!!!

daniela (CO) 01/05/2011

salve ho una bimba di 22 mesi ha la diarrea da 4 mesi gli hanno diagnosticato una sindrome post- enteritica gi ho  fatto una cura con vari medicinali anche il cosi detto bowel cktail ma quando interrompo i medicinali la diarrea si ripresente cosa dovrei fare per un periodo di tempo gli holto anche il latte di vacino dandogli un latte senza lattosio ma  ora il medico me lo ha fatto reintegrare poco a poco. secondo voi dovei fargli fare una dieta le mangia tutto ma in questo periodo stiamo molto attenti alla sua alimentazione 

bianca (SA) 26/04/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Una diarrea che non passa"

Infezione da Rotavirus
I rotavirus prendono questo nome perché appaiono al microscopio a forma di ruota. La trasmissione avviene attraverso il contatto con persone infette.
Diarrea nei bambini
Come comportarsi in caso di diarrea nei bambini? Da che cosa è provocata e come si cura.
Gastroenterite
La gastroenterite è l'associazione di vomito e diarrea, con rischio di perdita di liquidi e sali. La cura consiste in una corretta idratazione del bambino.
Salmonella: i sintomi
I sintomi della salmonella sono il vomito e le scariche diarroiche contenenti catarro. Spesso è presente anche la febbre.
La salmonella: le cause del contagio
Tutti gli alimenti che causano il contagio da salmonella.
Intolleranza al lattosio
L'intolleranza al lattosio è un difetto di digestione degli zuccheri. L'elenco degli alimenti contenenti lattosio.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Flash della macchina fotografica in un neonato
Non ci sono controindicazioni se si fotografa un neonato con un flash.
Sostituzione valvola polmonare
E' già stato sottoposto ad un intervento chirurgico per correggere la tetralogia di Fallot, ma la stenosi sottopolmonare è ancora presente.
Vaccinazioni in gravidanza
I rischi e i benefici di una possibile vaccinazione devono comunque essere considerati caso per caso.
Ha tre anni e fa sempre i capricci
La mia bambina di tre anni fa i capricci e ad ogni nostra richiesta oppone un rifiuto. I consigli della psicologa.
Ipotonia muscolare in un bambino
L'ipotonia è la riduzione del tono muscolare. Può essere associata a riduzione della forza. Cause e terapia.

Quiz della settimana

Quanto a lungo può resistere nel freezer il latte materno?
Resiste in freezer per non più di 72 ore
Resiste in freezer per non più di 15 giorni
Resiste in freezer per almeno tre mesi
Non va mai congelato in freezer