ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Dieta priva di istamina

Mia figlia deve seguire una dieta priva di istamina. Quali sono questi elementi? L'elenco degli alimenti che contengono istamina.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mia figlia ha due anni e mezzo. Praticamente da quando è nata ha la pelle molto secca e presenta delle chiazze eczematose. Le hanno diagnosticato una intolleranza alimentare e dovrebbe evitare di associare alimenti contenenti istamina. Gradirei ricevere un elenco completo di tali alimenti.

Esiste un gruppo di malattie della pelle caratterizzate da manifestazioni sovrapponibili a quelle dell’orticaria, ma differenti da quest’ultima per il meccanismo scatenante. L’orticaria classica, infatti, è dovuta alla liberazione di alcuni mediatori chimici, soprattutto l’istamina (una sostanza contenuta in alcune cellule del sangue e dei tessuti, chiamate granulociti basofili e mastcellule), come risultato di una reazione allergica scatenata da anticorpi di varia natura (soprattutto di classe IgE), nei confronti di particolari antigeni (sostanze in grado di scatenare una reazione immunitaria) come ad esempio alimenti, farmaci, sostanze inalate come pollini o acari della polvere, ed altri ancora. Esistono poi delle forme di orticaria più rare in cui non sono coinvolte reazioni immunologiche IgE-mediate, ma sono interessati altri meccanismi, solo in parte conosciuti, in grado di determinare il rilascio dei mediatori chimici, innescando in tal modo la reazione cutanea. Queste forme cliniche, chiamate anche "psedo-allergie alimentari, sono spesso scatenate dall’assunzione di alimenti ricchi di istamina o di sostanze istamino-liberatrici: di conseguenza è necessaria, in questi casi, una dieta particolare, in modo da evitare gli alimenti che riportiamo di seguito.

Alimenti ricchi di istamina o di sostanze istamino-liberatrici (da evitare)

Fragole, agrumi, banane, ananas, lamponi, avocado. Pomodori, spinaci, fecola di patate. Arachidi, noci, nocciole e mandorle. Fave, piselli, ceci, lenticchie, fagioli. Albume, formaggi fermentati, yogurt, lievito di birra. Cioccolato, insaccati, alimenti in scatola, dadi per brodo. Bevande fermentate (vino, birra), cola, caffè. Crostacei, frutti di mare, pesce conservato (aringhe, alici, sardine, salmone, sgombri, tonno).

12/12/1999

14/8/2014

I commenti dei lettori

La spiegazione medica e le indicazioni alimentari sono molto chiare e certamente utili, ma gradirei fossero indicati anche gli alimenti che al contrario possono essere mangiati senza problemi da persone perseguitate dall'orticaria come me... e che muoiono di fame non sapendo cosa mangiare...grazie mille e buon lavoro!

Aurelia (LT) 01/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Misurare la temperatura basale per individuare il periodo fertile
La rilevazione della temperatura basale serve per individuare il momento dell'ovulazione e quindi stabilire il periodo fertile.
Pronazione dolorosa del radio
Ha già subito due pronazioni dolorose. La patologia si risolve spontaneamente entro i 4 anni di vita.
Raccomandazioni utili sull'alimentazione del neonato e del bambino
I consigli utili relativi all'allattamento del neonato e del bambino dopo i 6 mesi.
Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte