ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Dotto di Botallo ancora aperto

Il Dotto Arterioso Pervio è una patologia relativamente frequente con particolare incidenza nei bambini nati pretermine. La chiusura del dotto è indicata a qualsiasi età.

a cura di: Prof. Giovanni Stellin (cardiochirurgo)

Mio figlio, che adesso ha 14 mesi, è nato prematuro (36 settimane, peso 2.650 gr.) con parto cesareo a causa di una malformazione uterina della madre. Il piccolo è stato ricoverato in terapia intensiva per 15 giorni a causa del cosiddetto "polmone umido". Unico "postumo" di tale situazione: il foro di Botallo non perfettamente chiuso. Al riguardo ci hanno prospettato l'eventualità di procedere ad un intervento di chiusura del foro tramite l'inserimento di una sorta di "elica", da decidere quando il bimbo sarà più grande. Vorrei conoscere in cosa consiste con precisione l'intervento, il vostro parere al riguardo e le possibilità di cura alternative, se esistono.

Il Dotto Arterioso Pervio è una patologia relativamente frequente con particolare incidenza nei bambini nati pretermine. La chiusura del dotto è indicata a qualsiasi età ed in particolar modo qualora il dotto pervio sia responsabile di disturbi. La tecnica di chiusura transcatetere con il posizionamento di una o più spirali all'interno del dotto è oggigiorno in contrapposizione a quella con la toracoscopia (tre forellini di 5 mm nel torace di sinistra con chiusura dall'esterno).

Mentre la prima tecnica, anche se più lunga ed indaginosa, richiede semplicemente la puntura di una vena e di un'arteria per il passaggio di cateteri all'interno del cuore, ed è pertanto meno invasiva, quella con toracoscopia assicura una totale e permanente chiusura del dotto senza l'uso di materiale protesico all'interno del cuore o dei grandi vasi. La tecnica con toracoscopia, a differenza di quella con spirale, è particolarmente indicata nei bambini piccoli, in particolar modo quando il dotto arterioso sia di grosse dimensioni.

28/2/2001

18/7/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Dotto di Botallo ancora aperto"

Dotto arterioso di Botallo pervio
Il dotto arterioso di Botallo pervio è una malformazione semplice e asintomatica. E' necessario l'intervento chirurgico.
Chiusura del dotto arterioso - dotto di Botallo
Il dotto arterioso detto anche dotto di Botallo è una comunicazione presente nella vita fetale che connette le arterie polmonari con l'aorta.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta