ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Contagio epatite C

Come ci si contagia dalla epatite C? Non sempre chi ne è affetto ha avuto rapporti con persone malate o con trasfusioni.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

I nonni materni di mio figlio sono affetti da epatite C e volevo sapere in modo dettagliato il modo di trasmissione perchè ho letto che nel 40% dei casi chi ne è affetto non ha mai avuto rapporti con persone malate o ha fatto trasfusioni pericolose.

Come Lei sottolinea nel 40% dei casi la trasmissione del virus dell'epatite C (HCV) non è legato a trasfusioni infette. Il contagio avviene per trasmissione materno-fetale. La trasmissione materno-fetale dell'HCV è possibile ma rara, e la maggior parte degli studi ha dimostrato che il tasso di trasmissione è mediamente del 5%.

Al contrario sono stati identificati altri fattori di rischio che possono correlare significativamente con uno stato di sieropositività anti-HCV; tra questi i più importanti sono la coinfezione con HIV, la tossicodipendenza con uso di droghe per via parenterale, una storia di pregresse trasfusioni, una pregressa epatite, tatuaggi e, infine, aver avuto rapporti con partner tossicodipendente.

Tra i fattori che influenzano l'infezione del neonato è stato dimostrato che la coinfezione materna con il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) è uno dei più importanti.  Riassumo brevemente i concetti assodati della letteratura:

  • la trasmissione al figlio dello HCV, da madre anche HIV negativa, è rara ma possibile;
  • la presenza di RNA nel sangue materno è il fattore permittente della trasmissione virale;
  • i fattori che facilitano la trasmissione sono con sicurezza lo stato di tossicodipendenza materna e, con qualche probabilità, l'aver contratto l'infezione per via trasfusionale;
  • la trasmissione in utero avviene sicuramente, anche se raramente, con una probabilità maggiore rispetto a quella per l'HBV;
  • l'allattamento al seno non costituisce un fattore di rischio aggiuntivo misurabile per la trasmissione post-natale, e non c'è motivo per scoraggiarlo.

Per quanto riguarda la sua situazione famigliare stia tranquilla: i nonni non sono possibile fonte di contagio diretta.


9/9/2010

29/11/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Contagio epatite C"

Epatite C
Il virus dell'epatite C si trasmette attraverso il sangue, ma non sono stati segnalati casi di contagio avvenuto per via alimentare.
Epatite C
L'epatite C è una malattia del fegato ed è la prima causa di malattie epatiche croniche nel mondo.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.
Puntura accidentale con una siringa abbandonata
Mio figlio di sei anni ha giocato con l'ago di una siringa usata. Vorrei informazioni sul contagio da siringhe infette.
Fondazione "Amici della Epatologia"
Una associazione ONLUS per i genitori ed i medici.
Epatite C
I nonni di mio figlio sono affetti da epatite C. Sono preoccupata per la possibile trasmissione perchè trascorreremo un mese di vacanza nella loro casa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte