ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Eritema nodoso

L'eritema nodoso del bambino è un'infiammazione del tessuto sottocutaneo profondo che si presenta sotto forma di lesioni di tipo nodulare, rotondeggianti, a margini netti, leggermente rilevate.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

Vorrei sapere che cosa è l'eritema nodoso?

L'eritema nodoso del bambino è un'infiammazione del tessuto sottocutaneo profondo che si presenta sotto forma di lesioni di tipo nodulare, rotondeggianti, a margini netti, leggermente rilevate. Tali manifestazioni, solitamente dolenti, sono calde al tatto e hanno inizialmente un colore rosso acceso. Con il passare dei giorni tendono ad assumere un colorito brunastro (come un livido) e, nell'arco di alcune settimane, si risolvono spontaneamente. Di solito l'eritema nodoso si manifesta sulla superficie anteriore delle gambe ma anche, più raramente, alle ginocchia, alle cosce e agli avambracci.

 L'eritema nodoso non è una specifica malattia della pelle; piuttosto esso è il sintomo di una risposta anormale dell'organismo, di tipo infiammatorio, a differenti stimoli. Le malattie infettive rappresentano una comune causa di eritema nodoso. La faringite, dovuta ad infezione batterica da streptococco beta emolitico, costituisce senz'altro la più frequente causa infettiva di eritema nodoso nel bambino: esso esordisce in concomitanza o, più frequentemente, dopo 1-2 settimane dall'avvenuta infezione.

L'infezione tubercolare, pur avendo ai giorni nostri perduto importanza in relazione alla diminuita incidenza della malattia nella popolazione generale, può essere responsabile della comparsa di eritema nodoso. In questo caso l'eritema nodoso tubercolare spesso si accompagna o è preceduto da manifestazioni sistemiche quali febbre elevata ed artralgie. La positività della radiografia del torace e soprattutto dell'intradermoreazione alla tubercolina sono semplici indagini che ne possono permettere il preciso inquadramento diagnostico. È opportuno ricordare che anche alcune comuni malattie esantematiche virali dell'infanzia quali il morbillo, la parotite e la mononucleosi infettiva possono accompagnarsi ad eruzioni cutanee tipo eritema nodoso.

Talvolta l'eritema nodoso è la conseguenza di una reazione avversa all'assunzione di farmaci quali antibiotici (sulfamidici, penicilline) o anti-infiammatori (aspirina). Infine l'eritema nodoso pur rappresentare la manifestazione iniziale di una malattia infiammatoria sistemica: nel bambino si tratta soprattutto di malattie di interesse reumatologico come ad esempio l'artrite reumatoide giovanile, le vasculiti e le malattie infiammatorie croniche intestinali. Il trattamento dell'eritema nodoso, considerate le numerose cause che lo possono determinare, è estremamente eterogeneo: esso va dalla sospensione dell'eventuale farmaco che ha scatenato la reazione avversa al trattamento specifico della malattia infettiva o reumatologica responsabile dell'eritema nodoso.

In conclusione il bambino che presenta lesioni cutanee sospette o compatibili con la diagnosi di eritema nodoso deve essere sottoposto ad una serie di accertamenti finalizzati al riconoscimento diagnostico della malattia che lo ha scatenato.

11/5/2004

1/8/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Eritema nodoso"

Dolori di crescita
I dolori di crescita nei bambini si manifestano con male alle gambe, soprattutto la sera. Esistono varie teorie per spiegarne la causa.
Un caso di tubercolosi a scuola
Nel caso di tubercolosi a scuola è necessario un trattamento preventivo antitubercolare a tutti i compagni.
Malattia reumatica
La malattia reumatica è una lesione infiammatoria dovuta a reazioni immunitarie, che può colpire più organi e apparati in relazione.
TAS elevato nel sangue
Il TAS rappresenta la produzione di anticorpi in risposta ad una infezione da Streptococco. Da solo, non è segno di malattia reumatica in corso.
Corea minor: il ballo di San Vito
La "Corea Minor" (o Corea reumatica o Corea di Sydhenham) è una malattia, ad esordio più o meno acuto, caratterizzata da movimenti coreici.
Il vaccino contro la tubercolosi
Il vaccino contro la tubercolosi è costituito dal batterio tubercolare, che viene reso incapace di provocare la vera malattia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.
Mamma con miopia molto grave
Un recente studio su 50 donne gravide affette da miopia superiore a 4,50 diottrie non ha segnalato aggravamento delle lesioni dopo il parto.
Non muove bene la bocca
Per effetto dell’ipoplasia un angolo della bocca non si abbassa. Si tratta di un’anomalia congenita piuttosto frequente nel neonato.
Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa