ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Febbre mediterranea familiare

La febbre mediterranea familiare è una malattia ereditaria tipica di certe popolazioni del Medio Oriente. E' caratterizzata da episodi di febbre inspiegabile che durano in genere 1-2 giorni.

a cura di: Dott. Enrico Solito (pediatra)

Vorrei avere informazioni circa le cause, la sintomatologia ed eventuali cure per la febbre mediterranea familiare.

Si tratta di una malattia rara, di cui in realtà non si sa molto. E’ tipica di certe popolazioni del Medio Oriente (turchi, armeni) e degli Ebrei Sefarditi, ed è vista solo raramente fuori da questi gruppi. E’ una malattia ereditaria (i genitori sono portatori senza sintomi: quindi ad ogni gravidanza c’è un rischio del 25% di avere bambini malati). E’ caratterizzata da episodi di febbre inspiegabile che durano in genere 1-2 giorni (ma anche fino a una settimana) insieme a dolori alla pancia, al torace o alle articolazioni. In genere gli episodi sono uno-due al mese, ma il dato è molto variabile.

Comincia in genere tra i 5 e i 15 anni, ma può iniziare anche molto prima. Le analisi del sangue durante l’attacco non dimostrano nulla di specifico (come aumento dei globuli bianchi e della Ves, ecc.), salvo un tipo particolare di febbre mediterranea familiare in cui c’è un aumento delle immunoglobuline di tipo D. La diagnosi quindi è difficile, e si basa sull’esclusione di altre cause, sulla evoluzione nel tempo, e sul gruppo etnico di cui fa parte il bambino. Negli ultimi anni è stato identificato e clonato il gene esatto responsabile della malattia, e ne sono stati identificati vari tipi di variazione: la ricerca ferve sull’argomento, fioccano le pubblicazioni e la diagnosi diverrà perciò più facile. Durante gli attacchi possono esserci pleuriti, peritoniti, artriti, specie dopo i primi tempi. Il rischio più grave è l’accumularsi nel tempo di una sostanza, l’amiloide, prodotta in seguito a tutti questi episodi infiammatori: questa sostanza si accumula nel rene, danneggiandolo gravemente fino a gravi conseguenze.

Tuttavia, per fortuna, a differenza di altri tipi di malattie dove l’amiloide non può essere contrastata, nella febbre mediterranea familiare si riesce a ritardarne la comparsa, o a prevenirla del tutto, mediante la somministrazione di una sostanza, la colchicina, che blocca anche gli episodi di febbre. Si tende ad usare il farmaco con parsimonia, specie nei bambini, per i rischi di danni agli spermatozoi (ad oggi tuttavia non sono state attribuite al farmaco danni fetali). Vengono usati anche altri farmaci e la recente scoperta e clonazione del gene coinvolto fa sperare in future terapie genetiche.

2/7/1999

25/10/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si prepara il latte artificiale
Come evitare gli errori più comuni nella preparazione del latte artificiale.
Domande e risposte sulla flora intestinale dei bambini
Una serie di risposte a domande concernenti le alterazioni della flora intestinale e l'uso dei probiotici.
Toxoplasmosi in gravidanza: gli alimenti da evitare
I consigli del ginecologo su alimentazione, cibi e norme igieniche da seguire per evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza.
Crescita a scatti
Si parla di crescita "a impulsi" proprio per intendere che viene a mancare quella regolarità caratteristica dei primi mesi.
I sintomi della dentizione nei neonati
La dentizione nei neonati è anticipata da alcuni sintomi. Molto spesso è causa di irritazione delle gengive dei neonati.

Quiz della settimana

In media qual è l'altezza di un maschietto al compimento dei due anni di vita?
80-81 cm
83-84 cm
87-88 cm
90-91 cm