ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Fegato e milza ingrossati

Quando fegato e milza sono ingrossati si parla di epatosplenomegalia. Le cause di epatosplenomegalia sono le più varie, possono essere infettive o legate ad anomalie congenite quali anemie emolitiche.

a cura di: Dott.ssa Milena Lo Giudice (pediatra)

Al mio bambino di 6 mesi e mezzo, circa quattro mesi fa è stata riscontrata un'epato-splenomegalia (1-2 cm.). Dopo vari accertamenti (esami del sangue completi, ricerca anticorpi, ecografia), ancora non si è scoperta la causa. Dal test degli anticorpi è risultato positivo l'HSV (herpes), che però sembrano essere anticorpi materni (è allattato al seno e non c'era l'herpes nella madre.) Può essere una cosa normale? E' possibile che non ci sia una causa? Mio figlio cresce bene e non ha mai manifestato alcun disturbo, pesa 8,6 Kg. ed è lungo 70 cm. Potreste aiutarmi a capire la causa di questa anomalia, se di anomalia si tratta?

Per epatosplenomegalia si intende un aumento di volume del fegato e della milza. In particolare si parla di splenomegalia quando la milza è aumentata da due a tre volte rispetto al suo volume normale, quindi una milza palpabile non sempre è indice di patologia, così anche un fegato palpabile non significa necessariamente un fegato aumentato di volume. Inoltre nei primi sei mesi di vita il bordo palpabile del fegato va da uno a tre centimetri.

Le cause di epatosplenomegalia sono le più varie, possono essere infettive o legate ad anomalie congenite quali anemie emolitiche; in ogni caso però una epatosplenomeglia vera, che riconosce cioè una causa patologica, si accompagna quasi sempre ad una compromissione dello stato generale che nel lattante si traduce in un ritardo di crescita staturo- ponderale. I dati del suo bambino, per quanto ci descrive poco si accordano ad uno stato di patologia per diversi motivi: I valori dell’aumento di volume sembrano essere compatibili con la norma. I dati ecografici e gli esami di laboratorio non hanno evidenziato dati patologici (esiste un’epatite da herpes virus, ma dovevano almeno essere presenti elevati valori di transaminasi ) Infine il bambino cresce secondo parametri staturo ponderali più che soddisfacenti.

Il mio parere è che non si tratti di una anomalia e consiglierei al genitore di non andare avanti con ulteriori indagini per non medicalizzare troppo il bambino, continuando a farlo seguire, così come per qualunque altro bambino della sua età, dal pediatra di famiglia, che avrà cura nel valutarne volta per volta la crescita ed eventuali segni fuori dalla norma.

1/12/1997

26/11/2015

I commenti dei lettori

la mia esperienza è quella di una bambina perseguitata dalla epatosplenomegalia diagnosticata ma di cui nessun medico, per ignoranza, aveva capito la causa: sono portatrice di talassemia. Mio consiglio: faccia dosare la HbA2 e comunque stia tranquilla e non perseguiti suo figlio con la epatosplenomegalia Mariella

Mariella 25/12/2012

Mariella, la tua esperienza è stata quella di una epatosplenomegalia benigna (anche se la condizione di portatrice di talassemia normalmente non comporta ingrossamento di fegato o milza). Ma è rischioso che tu la generalizzi, sia nel giudicare ("nessun medico... per ignoranza...": potresti semplicemente avere incontrato medici scrupolosi o avere avuto una famiglia ansiosa, che ha ingigantito la portata degli accertamenti cui sei stata sottoposta) sia soprattutto nel proporre la tua rassicurazione ad altri (su che basi? ci sono tante cause anche gravi di epatosplenomegalia e, prima di rassicurare, bisogna escluderle). Insomma, tanta comprensione per come hai vissuto la tua situazione di bambina medicalizzata, ma attenzione ad estendere le tue conclusioni ad altri.

Giuseppe Varrasi, Pediatra (BS) 26/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Fegato e milza ingrossati"

Epatite C
Il contagio con l'epatite C avviene attraverso il contatto con sangue infetto: trasfusioni, siringhe, medicazioni, e il contagio sessuale.
Sferocitosi
La sferocitosi è una anemia ereditaria caratterizzata da una particolare fragilità dei globuli rossi.
Mononucleosi infettiva
La mononucleosi infettiva è causata dal virus di Epstein-Barr (EBV) e si presenta con tonsille e linfonodi ingrossati.
Bambino con fegato ingrossato
Dopo un'ecografia al fegato, hanno riscontrato a mio figlio il fegato ingrossato e valori di transaminasi alti. Le cure da seguire.
Atresia biliare
L'atresia biliare consiste in una ostruzione delle vie biliari. Una malformazione congenita del fegato.
Epatite C
Il virus dell'epatite C si trasmette attraverso il sangue, ma non sono stati segnalati casi di contagio avvenuto per via alimentare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta