ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Il ferro

Il ferro è un oligoelemento presente in due forme negli alimenti: il ferro emico e non emico. Si trova negli alimenti di origine animale e vegetale. Carne e pesce sono le fonti principali di ferro.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Dove si trova

Il ferro è un oligoelemento presente in due forme negli alimenti: il ferro emico (ione ferroso) e non emico (ione ferrico). Il primo tipo di ferro è quello legato al gruppo eme di due proteine, l'emoglobina e la mioglobina, e rappresenta il 75% del ferro totale presente nell’organismo (65% nell’emoglobina e 10% nella mioglobina).

Il ferro non-emico è invece quel ferro presente nel fegato, nella milza e nel midollo osseo e che si trova legato alla ferritina e all’emosiderina, con funzione di deposito (rappresenta il 20-25% del ferro totale presente nell’organismo).

Una piccola parte è contenuta in alcuni enzimi intracellulari e nella transferrina.

L’assorbimento del ferro emico è migliore di quello del ferro non-emico.

Si trova negli alimenti di origine animale e vegetale. Carne e pesce sono le fonti principali di ferro emico.

Uova e latticini contengono soprattutto ferro non emico. Gli alimenti vegetali contengono esclusivamente ferro non emico.

L’assorbimento del ferro non emico è favorito dagli acidi, ad esempio la vitamina C o l’acido citrico, come pure dal consumo di carne, pollame e pesce.

E' invece ostacolato dai tannini (vino rosso e tè nero), dai fitati e dalla lignina (cereali integrali e leguminose), dai fosfati (bevande a base di cola), dagli acidi ossalici (spinaci, rabarbaro), dai composti di calcio (latticini) e dai salicilati (aspirina).

A cosa serve

È importante per il trasporto (il 60% è legato all’emoglobina del sangue), il deposito e l’attivazione dell’ossigeno. Svolge un ruolo nel sistema immunitario (difesa dell’organismo). È un componente degli enzimi chiave nell’utilizzazione dell’energia.

Che cosa succede se manca

  • Anemia, spossatezza
  • Maggior predisposizione alle infezioni
  • Capelli e unghie fragili

15/9/2009

21/6/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il ferro"

La verdura nell'alimentazione del bambino
Le verdure vengono introdotte nell'alimentazione del bambino dall'inizio dello svezzamento. Qualche consiglio pratico.
Globuli rossi piccoli
I globuli rossi più piccoli del normale possono dipendere da una carenza di ferro.
Ferro al neonato
Nel neonato il fabbisogno di ferro è assai elevato a causa della sua rapida crescita in statura e in peso.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.
Sottopeso
Mia figlia di 15 mesi mangia regolarmente, è una bambina molto attiva, ma è sottopeso. La pediatra dice che l'importante che stia bene.
Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte