ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Follicolite

È caratterizzata dall'eruzione di papule eritematose e di pustole su base infiammatoria, che interessano più frequentemente i glutei e le cosce ma anche il dorso e gli arti superiori.

Alla mia bambina di quattro anni, dall'estate scorsa, in seguito ad una vacanza al mare, sono comparse delle "puntine" sul sederino che ad oggi non sono ancora scomparse, malgrado l'uso di pomate/creme, e talvolta risultano dolorose al tatto. Il pediatra parla di "follicolite". L'esame parassitologico delle feci, suggerito da un dermatologo, ha dato esito negativo. Abbiamo notato che in concomitanza con terapie antibiotiche per infezioni respiratorie, la situazione del sederino migliora per poi peggiorare al termine delle terapie sopra dette. Cosa si può fare per risolvere definitivamente il problema?

La follicolite è un'infezione cutanea, in genere sostenuta dallo stafilococco, comune nei bambini più grandi e negli adulti. È caratterizzata dall'eruzione di papule eritematose e di pustole su base infiammatoria, che interessano più frequentemente i glutei e le cosce ma anche il dorso e gli arti superiori. Qualche volta le pustole follicolari superficiali evolvono in foruncoli profondi e dolorosi oppure si diffondono ai follicoli adiacenti, con la formazione di ascessi. I bambini con follicolite cronica hanno spesso patologie cutanee predisponenti come la cheratosi pilare.

L'uso prolungato di saponi antisettici, di antibiotici topici (in particolare della mupirocina, elettiva sullo stafilococco aureus, ma anche della clindamicina, della tetraciclina e dell'eritromicina) e di agenti esfolianti (benzoilperossido, acido retinoico, acido salicilico) possono ridurre il rischio di infezioni recidivanti. Nei casi molto resistenti può essere necessaria una terapia antibiotica per via generale.

1/1/1997

16/8/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura