ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha una fossetta sopra l'ano

La fossetta sacro-coccigea è determinata da un fascio di tessuto fibroso che si estende dalla sommità dell'ultima vertebra.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

La mia bambina di sette mesi presenta, fin dalla nascita, una fossetta nella regione coccigea, un paio di cm al disopra all'ano, lungo una linea leggermente rossa che inizia qualche cm sopra e segna la divisione intergluteale. Tale linea è leggermente screpolata al disotto della fossetta (tra questa e l'ano). Allargandola, la fossetta rivela un orifizio grande quanto una capocchia di spillo. Un pediatra ha assimilato questa lesione a "una specie di spina bifida", un altro a una fistola, consigliandoci di fare una ecografia ed eventualmente un esame radiologico, evitando per ora una più invasiva fistoloscopia (N.d.R.: esame del tragitto fistoloso) con mezzo di contrasto. Non sembra esserci fuoriuscita di pus o altri liquidi e la pelle intorno, a parte la suddetta linea rossa e leggermente screpolata, sembra essere normale. La bambina per il resto è perfettamente sana. Chiedo un vostro parere.

Circa la metà dei neonati presentano minime anomalie cutanee (come fossette cutanee, appendici preauricolari, granulomi ombelicali, capezzoli sopranumerari ecc.) senza conseguenze patologiche. Tuttavia, la loro presenza, in associazione ad altre anomalie somatiche, deve indurre a valutare la presenza di malattie multi-sistemiche più serie. Tra le anomalie cutanee minime le fossette sono certamente di comune riscontro sopra le prominenze ossee, particolarmente nella zona sacrale dove vengono denominate fossette sacro-coccigee.

Per la precisione, la fossetta sacro-coccigea è determinata da un fascio di tessuto fibroso che si estende dalla sommità dell'ultima vertebra coccigea alla cute e rappresenta un residuo embrionario senza alcuna rilevanza patologica. Infatti, pur potendo rappresentare il primo segno di diverse sindromi dismorfiche (N.d.R.: malformative), in assenza di altri segni o sintomi ha in genere solo rilevanza estetica, costituendo un segno cutaneo di scarso o nullo significato clinico. Viceversa, in presenza di fossette profonde, tragitti fistolosi, ciuffi di peli o nevi a livello della zona lombo-sacrale, occorre escludere anomalie spinali.

Si parla, infatti, di seno pilonidale (o cisti pilonidale) ad indicare una cavità pelosa che si trova sopra l'apertura anale e che può estendersi fino a sopra il setto inferiore del coccige. Esso è soggetto ad infiammazione, con arrossamento e facile fuoriuscita di materiale purulento. Un tempo si riteneva essere il residuo di sviluppo della connessione tra cute e midollo spinale nel punto di chiusura del neuroporo (N.d.R.: apertura della parte terminale del canale midollare verso la cavità amniotica) posteriore.

Ultimamente è stata avanzata l'ipotesi che il seno pilonidale possa essere una lesione acquisita in seguito alla penetrazione di peli dentro la cute. In questi casi una Risonanza Magnetica del midollo lombo-sacrale è indicata per escludere comunicazioni ed anomalie a carico del midollo spinale.

2/7/2002

5/2/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha una fossetta sopra l'ano"

La sindrome degli occhi di gatto
La sindrome degli occhi di gatto provoca una malformazione oculare chiamata coloboma oltre a difetti cardiaci e disturbi epatici.
Ossiuri
Gli ossiuri sono vermi piccoli, bianchi, molto mobili, filiformi con la coda puntuta.
Sanguinamento rettale
Le cause di sanguinamento rettale con sangue rosso vivo in un lattante possono essere diverse.
Supposte per la stitichezza
Utilizzare supposte di glicerina o l'ampolla del termometro per stimolare l'ano può essere utile sporadicamente. Non può diventare una pratica abitudinaria.
Sangue nelle feci
Nel segnalare la presenza di sangue nelle feci occorre sempre descrivere se il sangue è di colore rosso vivo, se è mischiato alle feci o contiene muco.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana