ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La frattura del mignolo in un bambino di due anni

La frattura del mignolo del piede è tipica nei bambini e spesso deriva dal camminare scalzi in ambito domestico. In genere, si risolve nell' arco di 15-20 giorni senza problema alcuno.

a cura di: Dott. Antonio Andreacchio (ortopedico)

Cosa fare in caso di possibile frattura del dito mignolo del piede di una bimba di due anni e mezzo? Ieri sera a mia figlia è caduta la sedia sul piede scalzo. In particolar modo è stato colpito il mignolo del piede destro che ora è tutto gonfio, bluastro e un po' spellato. La guardia medica mi ha detto che, anche se rotto, non si può ingessare e, di conseguenza, di non fare i raggi ma di darle paracetamolo e mettere ghiaccio. Oggi appoggiava il piedino ma non riesce a camminare perchè le fa male. Cosa devo fare? Considerate che la bimba va al nido perchè lavoriamo...! Devo tenerla a casa? Come alleviarle il dolore?

La frattura delle piccola dita del piede e soprattutto del 5° dito (che è la più frequente nella tipologia del distretto) è tipica sia nei grandi che nei piccini e spesso deriva dal camminare scalzi in ambito domestico. Alcuni la definiscono come “frattura della camera da letto” in quanto in tale ambiente spesso si verifica. Dolore, edema e tumefazione andranno gestite con ghiaccio, riposo e anlgesici.

La radiografia può documentare la frattura ma, nella maggior parte dei casi, il consiglio è quello di camminare con calzature a suola rigida, o zoccoli, nei bambini più grandi, in modo da evitare che il cammino determini acutizzazione del dolore.

Non si utilizza immobilizzazione gessata, raramente si può ricorrere ad incerottare le dita, ma tale situazione è raramente necessaria per il quinto dito e non nei bambini piccoli in cui la pelle macera facilmente e comporta situazioni più dannose della frattura stessa.

La frattura per lo più è composta e non richiede altri tipi di trattamento né tantomeno il ricorso alla chirurgia. Se sono invece presenti evidenti deviazioni del dito, e persistente dolore sarà necessario valutare se è presente una lussazione della articolazione metatarso-falangea, rara in primissima età, ma evidente dall’atteggiamento coatto e visibile del dito in posizione non naturale.

In genere le fratture delle dita e del 5° dito in particolare si risolvono nell’ arco di 15-20 giorni senza problema alcuno.

24/5/2012

31/10/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La frattura del mignolo in un bambino di due anni"

Frattura della clavicola
La frattura della clavicola è la frattura più comune nei bambini e può capitare ai neonati durante il parto.
Frattura del femore
Dopo essersi fratturato il femore si riscontra un allungamento dell'arto fratturato di 1 cm circa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte