ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Il fumo passivo fa male ai neonati?

Quali sono i rischi per un neonato se qualcuno fuma in casa? Il rischio di malattia respiratoria è decisamente più alto se vi è in famiglia un forte fumatore.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Quali sono i rischi per un neonato se qualcuno fuma in casa?

Esistono innumerevoli studi sulla relazione esistente tra il consumo di sigarette da parte dei genitori o di conviventi, e le malattie delle basse vie respiratorie (bronchite, polmonite, bronchiolite) nel bambino nel primo anno di vita, ma anche nell’età successive. Il rischio di malattia respiratoria è decisamente più alto se vi è in famiglia un forte fumatore (che fumi un pacchetto o più di sigarette al giorno) e se il bambino rimane a lungo a casa. La relazione è evidente sia per le malattie caratterizzate da broncospasmo (come l’asma) sia per le altre. Inoltre, quando la madre è forte fumatrice, l’età di esordio della prima malattia respiratoria del bebè risulta mediamente più precoce. I bambini esposti al fumo di sigaretta in casa hanno anche un rischio aumentato di otiti ed una aumentata incidenza di sintomi respiratori quali tosse, catarro, sibili ecc..

E’ stato inoltre dimostrato che l’esposizione continua di un bambino ad una madre fumatrice è capace di ridurre la crescita della funzionalità respiratoria di circa il 10%. Infine, se da una parte l’esposizione involontaria al fumo di tabacco non è stata stabilita con sicurezza come causa di asma, vi sono prove rilevanti che il fumo involontario peggiora le condizioni respiratorie degli individui asmatici. Si tratta di dati inequivocabili che dovrebbero fornire un elemento in più per indurre i genitori o altri conviventi ad evitare le sigarette: il danno che deriva dal fumo non interessa solo l’albero respiratorio di colui che fuma ma anche quello del bambino che gli vive accanto e che diventa, suo malgrado, un fumatore ante litteram.

1/2/1999

26/12/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il fumo passivo fa male ai neonati?"

Fumare in gravidanza fa male?
Il fumo durante la gravidanza provoca una varietà di conseguenze sullo sviluppo del feto e del neonato.
Alcol e fumo in gravidanza
Alcol e fumo in gravidanza sono fattori di inquinamento del corpo che colpiscono direttamente o indirettamente anche il bambino.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.
Mamma con miopia molto grave
Un recente studio su 50 donne gravide affette da miopia superiore a 4,50 diottrie non ha segnalato aggravamento delle lesioni dopo il parto.
Non muove bene la bocca
Per effetto dell’ipoplasia un angolo della bocca non si abbassa. Si tratta di un’anomalia congenita piuttosto frequente nel neonato.
Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa