ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha ingoiato la punta di un fiammifero

Mia figlia di due anni ha mangiato la punta di un fiammifero di quelli tradizionali. Le miscele dei fiammiferi non contengono sostanze che provocano avvelenamenti.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

Mia figlia di due anni ha mangiato la punta di un fiammifero di quelli tradizionali; lamentava poi mal di pancia. Può esserci un nesso e può essere pericoloso lo zolfo del fiammifero?

Cara Signore, dalla sua descrizione sommaria penso di poterla tranquillizzare in quanto le miscele di accensione dei fiammiferi da molti anni non contengono sostanze in quantità tali da provocare avvelenamenti o stati di intossicazione. Pertanto penso che il mal di pancia successivo non sia da mettere in relazione all'ingestione della capocchia del fiammifero. Per quanto mi risulta attualmente lo zolfo è contenuto soltanto nei fiammiferi definiti "antivento" che sono commercializzati per usi speciali e pertanto non di uso domestico.

22/4/2004

29/5/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha ingoiato la punta di un fiammifero"

Piante pericolose
Il mio bambino di un anno tocca tutto. Le piante domestiche pericolose.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.
Gli avvelenamenti domestici
Le sostanze potenzial­mente pericolose che si trovano in una casa sono tante. Vediamo alcuni ac­corgimenti per evitare gli avvelenamenti domestici accidentali.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte