ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Idrocele

L'idrocele è l'accumulo di liquido nella sacca che circonda il testicolo. E' dovuto alla persistenza del dotto o processo peritoneale e normalmente scompare entro l'anno di vita.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Vorrei informazioni riguardanti l'idrocele nei bambini (il mio ha quattro anni): se curabile o se bisogna obbligatoriamente intervenire chirurgicamente.

L'idrocele è l'accumulo di liquido nella tunica vaginale che circonda il testicolo. E' dovuto alla persistenza del dotto o processo peritoneale, un'estroflessione della parete del peritoneo (cioè di quella membrana che riveste le pareti delle cavità addominale e pelvica), già osservabile nell'embrione dalla 12° settimana, e che sporge attraverso l'anello inguinale interno: essa si allunga attraverso il canale inguinale per seguire la discesa del testicolo.

Dopo la nascita il processo peritoneale è destinato alla obliterazione e alla scomparsa: rimane soltanto la porzione che circonda il testicolo e che ne costituisce la cosiddetta tunica vaginale. L'idrocele si evidenzia come un gonfiore dello scroto senza alcun dolore. E' molto comune nel neonato, soprattutto nel prematuro, ed è spesso bilaterale.

Nel bambino più grandicello può comparire improvvisamente, ma spesso si presenta dopo una malattia infettiva virale, che comporta un aumento della quantità di liquido peritoneale. Il volume dell'idrocele può raggiungere considerevoli dimensioni, essendo minimo al mattino e aumentando molto alla sera nel paziente che ha già iniziato a tenere la posizione eretta: tale fenomeno è legato alla presenza di una comunicazione piuttosto ampia con la cavità peritoneale.

Quando è possibile palpare un testicolo normale e l'idrocele non si associa ad alcuna anormalità dei tessuti molli scrotali soprastanti, è più probabile che si tratti di idrocele semplice. Nel neonato è il risultato del liquido rimasto in quella posizione dopo la chiusura del dotto peritoneale. In questo caso l'idrocele viene semplicemente tenuto sotto osservazione: di solito il liquido si riassorbe entro il primo anno di vita o al massimo entro i 18 mesi.

Se invece si ha una storia evidente di variazioni di volume ed in particolare se l'idrocele è associato ad un ispessimento delle strutture del funicolo, allora la diagnosi è di idrocele comunicante: in questo caso, abitualmente, il processo peritoneale pervio non si chiude spontaneamente, anzi può allargarsi dando origine ad un'ernia. In questa circostanza il trattamento è chirurgico.

1/1/1997

26/3/2012

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

I commenti dei lettori

sono una mamma preoccupata a mio figlio e' stato diagnosticato un idrocele destro con cisti del funicolo e l'intervento e' stao fissato tra un mese ma io sono terrorizzata dall'anestesia il mio bimbo ha solo 3 anno ed e' molto vivace temo la degenza .....e lo stres a cui inevitabilmente sara' sottoposto.....

barbara (PA) 31/03/2013

Barbara, la paura dell'anestesia è comprensibile, ma considera quante anestesie si fanno tutti i giorni in tutte le sale operatorie di tutti i reparti di chirurgia pediatrica, otorinolaringoiatria, oculistica e così via. Gli incidenti gravi in sala operatoria sono certamente molto meno frequenti che quelli sulle piste da sci o al mare, ma sono sicuro che tu hai già portato il tuo bambino nello splendido mare di Palermo. Dunque, affronta con fiducia anche quanto ti viene proposto dai medici per curare l'idrocele.

Giuseppe Varrasi, Pediatra (BS) 01/04/2013

incredibile dopo due mesi dell'idrocele di mio figlio non c'e' piu' l'ombra sparito.......e' mai possibile????

barbara (PA) 15/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Idrocele"

Torsione del testicolo
Ha sofferto quest'anno di una torsione del testicolo. L'intervento chirurgico è quasi sempre necessario.
Testicolo ritenuto: come si opera?
L'intervento chirurgico di correzione del criptorchidismo (detto anche testicolo ritenuto) viene chiamato "orchidopessi".
Varicocele
Il varicocele è una condizione collegata all'aumento di lunghezza e volume delle vene del testicolo.
Idrocele
L'idrocele consiste nell'ingrossamento di uno o di entrambi i testicoli. E' necessario l'intervento chirurgico.
Intervento per idrocele
A mio figlio è stato diagnosticato un idrocele sinistro e hanno consigliato l'intervento chirurgico. Quali sono i tempi di degenza?
Criptorchidismo
Per criptorchidismo si intende la mancata discesa nello scroto di uno o di entrambi i testicoli.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Crampi in gravidanza
Crampi alle gambe e ai piedi fanno parte di quei piccoli disturbi accusati dalle donne in gravidanza, nella gran parte dei casi innocui.
Polmonite da Legionella
Quali sono le cause della polmonite da Legionella? La malattia è rara in età pediatrica.
Sviluppo della vista nel neonato prematuro
La vista nel neonato prematuro segue le stesse tappe del bambino nato a termine.
Capillari sulle guance di una bambina
Dalla nascita presenta due evidenti capillari sulle guance. Non bisogna preoccuparsi perchè normalmente scompaiono spontaneamente.
Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.

Quiz della settimana

Cosa è l'indice di Agpar?
Una particolare conformazione del secondo dito delle mani
Una valutazione che viene fatta a tutti i neonati alla nascita
Un esame del sangue
Un metodo per individuare l'eventuale obesità di una persona