ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Il papà è diabetico

Il diabete si trasmette ai figli? È possibile che si presenti in età così piccola?

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mio marito è affetto da diabete giovanile dall'età di 13 anni. Nella sua famiglia ci sono altri casi di diabete sia di tipo 1 che di tipo 2. Gradirei sapere quale probabilità ha mio figlio (che ora ha 6 mesi) di ammalarsi, e qual è l'età più critica per l'insorgere della malattia. È possibile che essa si presenti in età così piccola?

Il diabete mellito di tipo 1, detto anche insulino-dipendente, può insorgere a qualsiasi età, raramente anche nel lattante; tuttavia il picco di incidenza si verifica in età scolare e soprattutto durante la pubertà. Ciò è legato probabilmente alle modificazioni indotte dagli ormoni sessuali e dai fattori di crescita, alla variazione della sensibilità all’insulina e/o a modificazioni della tolleranza immunologica che portano ad un danno a carico delle cellule beta del pancreas che producono l’insulina. E’ noto infatti che la distruzione delle cellule beta, che è alla base della malattia, è dovuta a una risposta anomala del sistema immunitario, che aggredisce queste cellule come se fossero sostanze estranee all’organismo.

Per quanto riguarda il rischio di insorgenza di questa forma di diabete, numerosi studi famigliari hanno documentato, nei figli di persone con diabete di tipo 1, una probabilità di avere a loro volta la malattia che è del 5-10 per cento quando è malato un solo genitore e del 20-25 per cento quando sono malati entrambi i genitori.
Tale rischio è inoltre proporzionale al grado di concordanza per il sistema HLA (Human Leukocyte Antigen, quell’insieme di geni che controllano la risposta immunitaria dell’organismo) con il parente diabetico: in altre parole se si ereditano determinati tipi di geni la probabilità aumenta. Va comunque sottolineato che, in genere, meno del 10% delle nuove diagnosi di diabete mellito insulino-dipendente si verifica nei famigliari di diabetici; i casi sporadici quindi rappresentano la maggioranza. Tuttavia, se da una parte pesa una componente genetica nello sviluppo del diabete di tipo 1, dall’altra parte occorre precisare che non si tratta di una malattia ereditaria classica (come la fibrosi cistica o l’anemia mediterranea) ma di una malattia poligenica, in cui cioè è necessaria la presenza contemporanea di più geni perché essa si esprima.

Più recentemente ha trovato un certo numero di conferme anche l’ipotesi che a scatenare la reazione autoimmunitaria contro le cellule produttrici di insulina possano essere alcune infezioni virali. Infatti taluni virus, in particolare i coxsackie virus del gruppo B, gli adenovirus, il citomegalovirus e il virus di Epstein Barr, presenterebbero delle strutture (antigeni) simili ad altre presenti nelle cellule beta del pancreas: quando si verifica l’infezione il sistema immunitario sviluppa anticorpi contro il virus da contrastare (che viene per l'appunto riconosciuto attraverso alcuni antigeni), ma produce anche, confondendosi, anticorpi contro le cellule beta, provocandone la distruzione.

Ovviamente questa non sarebbe l’unica causa della malattia, ma un evento capace di provocarne la comparsa in soggetti predisposti geneticamente. Per quanto riguarda il diabete di tipo 2, detto anche insulino-indipendente, esso ha una componente genetica per qualche verso più importante di quella del tipo 1, anche se non ne sono stati ancora chiariti tutti gli aspetti. La probabilità che i figli di pazienti con diabete di tipo 2 si ammalino è del 10 per cento se un solo genitore è diabetico e del 30-40 per cento se lo sono entrambi.

1/11/1998

3/11/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il papà è diabetico"

Il diabete
Il diabete mellito è una situazione caratterizzata dall'incapacità dell'organismo a mantenere un livello di glicemia nella norma.
Zucchero nelle urine
Con il termine di glicosuria si intende la presenza di zucchero nelle urine.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Diabete nel bambino e nell'adulto
Che differenze ci sono?
Genitore celiaco e diabetico
Sono un genitore celiaco e diabetico: quando fare i primi esami a mia figlia per controllare se è celiaca anche lei?
Diabete di tipo 1
Quale dieta deve seguire?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Atassia cerebellare dopo vaccinazione antimorbillo-rosolia-parotite
Ha sofferto di una atassia cerebellare benigna post vaccino morbillo-rosolia-parotite.
Ha problemi di svezzamento perché non mangia la pappa
Ha problemi con lo svezzamento perché a sette mesi rifiuta la pappa. I consigli dell'esperto sullo svezzamento.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte