ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Le caratteristiche del virus dell'influenza

L'influenza è trasmessa da un gruppo di virus specifici, detti virus influenzali, classificati in tre diversi tipi (A, B, C). Le epidemie influenzali sono provocate prevalentemente dai tipi A e B.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

L'influenza è una malattia infettiva acuta, sostanzialmente caratterizzata da sintomi a carico dell’apparato respiratorio.

E’ trasmessa da un gruppo di virus specifici, detti virus influenzali, classificati in tre diversi tipi (A, B, C). Le epidemie influenzali sono provocate prevalentemente dai tipi A e B. Le epidemie mondiali (pandemie) si verificano ad intervalli di tempo imprevedibili e nel secolo scorso sono avvenute nel 1918 (Spagnola), nel 1957 (Asiatica) e nel 1968 (Hong Kong). La più grave, nel 1918, ha provocato almeno 20 milioni di morti.

Frequente motivo di consultazione medica, di ricovero ospedaliero e principale causa di assenza da lavoro e da scuola, l’influenza è ancora oggi la terza causa di morte in Italia per malattia infettiva, preceduta solo da AIDS e tubercolosi. In particolare si stima che in Italia ogni anno l’influenza causi circa 8000 morti, soprattutto fra gli anziani.

I virus influenzali hanno la marcata tendenza a mutare; ciò permette loro di aggirare le difese presenti in coloro che in passato hanno avuto l’influenza. Questo significa che la protezione che l’organismo ha messo a punto contro il virus dell’influenza che circolava in quell’anno, non è più efficace per il virus dell’anno successivo.

Si tratta di una malattia stagionale che, nell'emisfero occidentale, si verifica durante il periodo invernale, coinvolgendo ampie fasce della popolazione sia adulta che infantile. Durante le pandemie l’influenza può colpire anche il 50% della popolazione.

I bambini, soprattutto quelli più piccoli, sono i soggetti più colpiti: quelli di età compresa fra 0 a 4 anni si ammalano d’influenza di circa 10 volte più spesso dell’anziano e circa 5 volte più dell’adulto.

10/8/2009

15/2/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Le caratteristiche del virus dell'influenza"

Evitare il contagio dell'influenza
Azioni utili per ridurre la trasmissione dell'influenza.
Quando non si fa il vaccino contro l'influenza
Poche sono le situazioni in cui è meglio non fare la vaccinazione. I consigli del Pediatra.
L'influenza
L'influenza è una malattia infettiva acuta, caratterizzata da sintomi di tipo respiratorio e dal fatto di presentarsi con epidemie nella stagione invernale.
A cosa serve la tosse
La tosse è un importante meccanismo di difesa per liberare le vie respiratorie.
I sintomi dell'influenza
L'influenza si manifesta con febbre, brividi di freddo, mal di testa, dolori muscolari diffusi e marcata spossatezza.
Effetti collaterali del vaccino contro l'influenza
Raramente si possono osservare effetti collaterali. Nella sede d’iniezione può verificarsi la comparsa di rossore, gonfiore e nelle 48 ore succesive.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.
Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Controllo della vista di un bambino piccolo
Entrambi i genitori sono miopi. Quale struttura scegliere per un bambino di nove mesi? I consigli dell'oculista.
La cameretta del neonato
Come arredare la cameretta del neonato tenendo conto di quelle che saranno le sue esigenze future.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore