ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ingestione di un corpo estraneo

Che cosa fare in caso di ingestione di un corpo estraneo? L'ingestione di un corpo estraneo è relativamente frequente in quella fascia d'età in cui il bambino tende ad esplorare il mondo.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

Mio figlio di 15 mesi ha ingerito un oggetto metallico a forma di spillo con estremità arrotondate di circa due cm (ago di spazzola per capelli). Dopo un esame radiografico, l'oggetto è stato rilevato nella cavità gastrica. Mi è stato detto di attendere all'incirca 48 ore per rilevarlo nelle feci. In caso contrario, ripetere la lastra per una nuova localizzazione. Vi chiedo se ci sono rischi per il bambino. Se non viene espulso naturalmente, quali sono le metodiche per estrarlo manualmente? Cosa succede se si ferma nell'intestino?

L'ingestione di un corpo estraneo è relativamente frequente in quella fascia d'età in cui il bambino tende ad esplorare il mondo e nella maggioranza dei casi è priva di complicanze, sempre che l'oggetto ingerito non sia acuminato o non si arresti in esofago.

L'approccio a tale problema è diverso a seconda che il corpo estraneo sia radio-opaco o no, acuminato o no.

Nel suo caso l'oggetto è radio-opaco e non acuminato e pertanto l'attenta sorveglianza, come le è stato consigliato, è l'approccio corretto nell'attesa dell'espulsione spontanea. In questi casi non ci sono rischi e si osserva sempre l'espulsione perché l'oggetto ingerito è per sua natura non lesivo e si posizionerà in senso longitudinale non creando quindi un ostacolo al passaggio degli alimenti. Discorso diverso è se l'oggetto ingerito presenta un diametro elevato: in tal caso può trovare ostacolo al passaggio dallo stomaco all'intestino tenue e dall'intestino tenue al grosso intestino. Pertanto sarà necessaria una maggior sorveglianza e l'uso di farmaci che consentano il rilasciamento della muscolatura delle valvole nei distretti interessati.

Soltanto nei casi in cui il corpo estraneo resti localizzato in esofago è necessaria l'estrazione immediata per via endoscopica in relazione alla grave sintomatologia presentata. Analogo comportamento in caso d'ingestione di micro-pile: la loro composizione chimica non ha alcun influenza se il diametro è inferiore ai 12 mm. Nel caso in cui il diametro sia superiore ai 15 mm e la composizione sia d'ossido di mercurio, in relazione alla possibilità di rottura in stomaco o nell'intestino con la fuoriuscita dell'elemento, è indicata l'estrazione in endoscopia. L'ingestione di oggetti di grosse dimensioni o che possano procurare un rischio di perforazione deve essere attentamente valutata e va presa in considerazione l'estrazione endoscopica in tempi rapidi.

20/11/2001

28/2/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ingestione di un corpo estraneo"

Ha inghiottito un dado
La mia bambina ha inghiottito un dado esagonale. Quanto tempo passerà prima dell'espulsione? Il consiglio del pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Sport e allattamento
Non ci sono controindicazioni alla pratica di uno sport durante l'allattamento.
Stenosi congenita dei canali lacrimali
I suoi occhi continuano a lacrimare malgrado sia stato sottoposto a sondaggio delle vie lacrimali.
Sterilità e fecondazione assistita
Si parla di sterilità quando la coppia non riesce a concepire dopo un anno di rapporti sessuali regolari. La fecondazione assistita può essere la soluzione.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Speciale: l'ABC del nasino sano
Quasi tutti i piccoli e grandi malanni dei nostri piccoli iniziano dal naso. Trattiamolo con cura.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K