ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Lo iodio

Lo iodio è un oligoelemento che si trova negli alimenti di origine animale e vegetale. È un costituente degli ormoni tiroidei, che svolgono un ruolo centrale nel metabolismo umano.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Dove si trova

Il corpo di un adulto contiene circa 10–20 mg di iodio e, di questo, più della metà si trova nella tiroide.

Si trova negli alimenti di origine animale e vegetale. La maggior parte degli alimenti contiene tuttavia soltanto deboli quantitativi di iodio per cui in alcune popolazioni, soprattutto montane, l’approvvigionamento viene completato attraverso l’impiego di sale iodato.

Buone fonti di iodio sono Il pesce (soprattutto quello che vive in acque profonde), l’aglio, i semi di sesamo, i fagioli di Spagna, gli spinaci, le zucchine bianche, le bietole e le cime di rapa.

A cosa serve

È un costituente degli ormoni tiroidei, che svolgono un ruolo centrale nel metabolismo umano.

Che cosa succede se manca

  • Ingrossamento della tiroide fino al gozzo, accompagnato da iper- o ipofunzione tiroidea
  • Nei bambini: rallentamento della crescita, diminuzione delle facoltà intellettuali
  • Nel feto può causare cretinismo con disturbi dello sviluppo del sistema nervoso centrale, dello scheletro e di determinati organi.

Un sovradosaggio può causare acne, gozzo e ipertiroidismo. Questi sintomi sono stati osservati soltanto con apporti di iodio che superano di dieci o più volte le raccomandazioni, ad esempio in seguito all’assunzione di medicamenti contenenti iodio.

15/9/2009

27/6/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Lo iodio"

Il fosforo
È un macroelemento contenuto nelle ossa e dei denti. Svolge un ruolo importante nel metabolismo energetico. Scopri altre informazioni utili.
La vitamina B2
La vitamina B2 ha un ruolo essenziale nella respirazione della cellula e nella produzione d’energia.
Vitamine e gravidanza
E' utile integrare l'alimentazione della mamma in gravidanza con vitamine e sali? I consigli del pediatra.
La vitamina B8 o biotina
La vitamina B8 o biotina è presente in molti alimenti, tra cui il pollo, il tuorlo d'uovo, le nocciole, i funghi e alcuni legumi.
La vitamina B12 o cianocobalamina
La cianocobalamina, conosciuta come vitamina B12, è presente in tutti gli alimenti di origine animale in minime quantità.
E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo