ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cosa vuol dire ipertonia?

A mia figlia hanno diagnosticato una ipertonia. Cosa significa con esattezza?

a cura di: Dott. Antonino Romeo (neuropsichiatra infantile)

Mia figlia non ha mai gattonato ed aveva difficoltà a mettersi in ginocchio. Aveva 15 mesi, camminava solo tenendomi con il ditino, quando la pediatra del nido mi consigliò di rivolgermi ad una neuropsichiatra perché secondo lei la bambina aveva un ritardo motorio. La neuropsichiatra mi disse che aveva un ritardo dicendomi inoltre che era ipertonica, e che comunque la bambina era talmente tenace e curiosa che avrebbe superato sicuramente questa fase e che quindi di lì a poco tempo avrebbe camminato. Così é stato e dopo un mese la bimba si é staccata ed ha camminato normalmente. Ma cos'é l'ipertonicità? Potrebbe avere ancora dei problemi.. ad esempio ora, a distanza di quattro anni, non va molto volentieri in bicicletta... potrebbe rifiutare la bicicletta perché ha difficoltà a pedalare?

Sicuramente è difficile fare una valutazione neurologica della bambina, con gli elementi descritti, e il modesto ritardo segnalato a 15 mesi non può essere un indice prognostico. A proposito di gattonamento!

Ci sono bambini che non gattonano ed hanno un normale sviluppo psicomotorio e bambini che gattonano come unica modalità di spostamento e non impareranno mai a camminare. Per quanto riguarda "l'ipertonia", essa è definita come una abnorme reazione allo stiramento del muscolo. E' però una definizione molto equivoca e sicuramente imprecisa e confusa, anche se utile nel definire la maturità motoria del bambino; classicamente sono definiti "ipertonici" i bambini che hanno un tono muscolare "rigido, duro".

I fattori che contribuiscono a definire il tono muscolare sono: la viscosità, la elasticità, il controllo emozionale, la capacità di rilasciare i muscoli antagonisti; per cui un tono anormale in eccesso viene definito classicamente "ipertonico". Infine, la bicicletta: la bambina ha ancora tempo per imparare ad andare in bicicletta. Sicuramente il fatto che non riesce attualmente, non è indice di ritardo motorio. A mio avviso non vale la pena di insistere, anche per evitare eccessive frustrazioni: si può imparare più avanti, quando la bambina sarà più disponibile!

1/4/1999

5/12/2013

I commenti dei lettori

Buongiorno,
mio figlio ha 3 mesi e la pediatra sospetta un ipertonicità, mi ha prescritto 15 giorni di magnesio abbinato a calcio e se non migliora una visita dal neurologo. cosa ne pensa?

Vanessa (CT) 26/11/2010

Buonasera, Mia figlia ha 3 anni e da poco che ha imparato a parlare un po' bene, a capire il significato delle parole, penso che l'aiuto è stato un po' la scuola materna, ma il problema non è questo che mi preoccupa, ma il fatto che da quando ha imparato a camminare fino adesso, a fine giornata, specialmente alla sera inizia a muovere le gambe in continuazione, come una ballerina,non riesco a capire sé la sua è stanchezza o agitazione. Ho bisogno di un consiglio!!! grazie

Paola (IM) 30/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte