ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Incontinentia pigmenti achromians (ipomelanosi di Ito)

L'ipomelanosi di Ito è una rara malattia cutanea caratterizzata da una ipopigmentazione. Le manifestazioni cutanee sono costituite da macchie ipopigmentate bilaterali.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Quali i sintomi chiari ed inequivocabili dell'incontinentia pigmenti achromians (ipomelanosi di Ito)?

L'incontinentia pigmenti achromians, nota anche come ipomelanosi di Ito, dal nome del dermatologo giapponese che per primo descrisse la patologia nel 1952, è caratterizzata da una ipopigmentazione (pelle scolorita, cioè bianca) congenita che ricorda l'iperpigmentazione dell'incontinentia pigmenti (una grave malattia congenita). Le manifestazioni cutanee sono costituite da macchie ipopigmentate bilaterali, con aspetto a strie od a spirali al tronco e lineare agli arti.

Le lesioni colpiscono entrambi i sessi, spesso sono presenti alla nascita o comunque appaiono nel primo mese di vita e poi progrediscono lentamente; dopo qualche anno, inizia un processo evidente di repigmentazione e le lesioni tendono a sbiadire in età adulta.

L'ipomelanosi di Ito si associa frequentemente ad altre anomalie: neurologiche (convulsioni, ritardo mentale), dello sviluppo psicomotorio, della dentizione, dello scheletro (scoliosi, asimmetria degli arti) e degli occhi, anche se in alcuni casi i bambini interessati sono per il resto sani. I pazienti colpiti dalla malattia meritano un'attenta valutazione internistica, neurologica e oculistica e controlli ravvicinati dello sviluppo neurologico; le lesioni cutanee, invece, tendono a risolversi spontaneamente senza trattamento. Ulteriori indagini dipendono dai segni clinici.

Non sembra necessario un counseling genetico, in quanto non è certo che la malattia si trasmetta ereditariamente.

1/1/1997

20/8/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita
Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita. I consigli di come dirle che stiamo aspettando un secondo bambino.
Leucociti nelle urine
I leucociti nelle urine significano quasi sempre infezione delle vie urinarie o genitale.
Una macchia rosa sul pannolino
Una macchia rosa sul pannolino. Non si tratta di patologia e non bisogna allarmarsi.
Citomegalovirus in gravidanza
Il Citomegalovirus è un virus della famiglia degli Herpes. In gravidanza, il Citomegalovirus può causare parecchi problemi.
Congiuntivite virale
Da cosa è provocata la congiuntivite virale? Le precauzioni per evitare il contagio.

Quiz della settimana

Con che frequenza compaiono i cosiddetti "dolori di crescita" nei bambini sani?
2-3%
5-10%
10-20%
20-30%