ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Orticaria cronica

Soffre di orticaria cronica. Le cause sono davvero molto numerose e, quindi, non deve sorprendere se l'orticaria cronica rimane senza causa individuata nell'80-90% dei casi.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Mia figlia di quattro anni ha l'orticaria da circa due mesi ma non si capisce che cosa la scateni. Senza copertura antistaminica dura poche ore e poi gli riesplode. Come possiamo capire quale sia la causa?

L'orticaria è un'eruzione cutanea caratterizzata da lesioni eritemato-pomfoidi, cioè arrossamenti e rilevamenti della cute, in genere pruriginose e fugaci, a localizzazione non fissa ma migrante. Secondo la tradizionale classificazione, l'orticaria può essere:

  • Acuta, quando ha una durata inferiore alle sei settimane;
  • Cronica, se è presente quotidianamente per più di sei settimane (il caso in questione rientrerebbe in questa categoria);
  • Ricorrente oppure intermittente, a seconda che i periodi di benessere sono più brevi oppure più lunghi rispetto a quelli nei quali è presente l'eruzione cutanea. In età pediatrica sono prevalenti, anche se non esclusive, le forme acute, contrariamente all'adulto in cui sono più frequenti le forme croniche.

Generalmente la diagnosi di orticaria acuta è più agevole perché dovuta ad un gruppo relativamente ristretto di cause. Viceversa, le forme croniche (sebbene raramente gravi) sono molto limitanti per i pazienti e notevolmente subdole per il medico curante, in quanto gli sforzi diagnostici sono coronati da successo solo in una bassa percentuale, restando la causa dell'orticaria cronica non diagnosticata nell'80-90% dei casi. Attualmente si tende a considerare l'orticaria come la risposta vascolare della cute e delle mucose ad una molteplicità di stimoli (o cause patogene) endogeni ed esogeni; si tratta, quindi, di un sintomo piuttosto che una patologia.

L'orticaria, infatti, può essere di origine allergica, sia ad alimenti (latte, uovo, cereali, pesce, frutta secca, pomodoro ecc), sia ad inalanti (pollini, acari, epiteli); può essere però anche pseudoallergica (da alimenti istamino-liberatori, da coloranti, conservanti ecc). Può essere secondaria, sempre con meccanismo allergico, all'assunzione di farmaci (moltissimi sono i farmaci in grado di scatenarla). Può essere dovuta anche al contatto con alimenti, piante, farmaci per uso topico ecc. È notorio, d'altra parte, che le punture di alcuni insetti scatenano fenomeni di orticaria (api, vespe, ragni). Esistono, inoltre, orticarie secondarie ad infezioni (virali, batteriche, micotiche, parassitarie), oppure a malattie endocrine, tumorali o del connettivo. Esistono, altresì, forme autoimmunitarie di orticaria e forme congenite.

Una categoria particolare sono le orticarie da fattori fisici, quelle cioè scatenate dal caldo o dal freddo, da pressione o da vibrazione; oppure causate dall'esercizio fisico od anche quelle colinergiche (determinate da aumento della temperatura corporea per febbre, bagno caldo ecc); addirittura esiste (assai rara) l'orticaria acquagenica, causata dal contatto della cute con l'acqua, indipendentemente dalla sua temperatura. Come si vede, le cause di orticaria sono davvero molto numerose e, quindi, non deve sorprendere se l'orticaria cronica rimane senza causa individuata nell'80-90% dei casi.

Tuttavia, occorre precisare che la prognosi di queste forme di orticaria è frequentemente favorevole. Infatti, dopo un decorso prolungato, in molti casi l'orticaria cronica si risolve spontaneamente e scompare senza causa apparente, così come era comparsa.

21/1/2004

8/5/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Orticaria cronica"

Allergia ai crostacei
Ha avuto una reazione nel mangiare i gamberetti. Sarà allergica ai crostacei?
Dermatite neonatale
Il neonato spesso va incontro ad eruzioni cutanee di diverso tipo assolutamente normali e innocue.
Gli si arrossa la bocca quando mangia il pomodoro
Gli compaiono delle macchie rosse quando mangia il pomodoro. Può trattarsi di allergia al pomodoro? I consigli del Pediatra.
Mastocitoma solitario
La mastocitosi cutanea esordisce in genere alla nascita. La cute è l’organo più frequentemente interessato.
Orticaria-angioedema
L'orticaria-angioedema si manifesta con bolle pruriginose che vanno e vengono.
Pomfi: bollicine simili a punture di zanzara.
I pomfi sono lesioni cutanee che assomigliano a punture di insetto e che svaniscono nell'arco di poche ore.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha paura dei tuoni
Mio figlio di due anni ha paura dei tuoni e dei forti rumori. E allora cosa fare con un bimbo pauroso? I consigli dello psicologo.
Rimane attaccata al seno anche un'ora
Ad ogni poppata rimane attaccata al seno anche un'ora. E fa 3 o 4 pasti di notte. Le regole per un buon attacco al seno.
Speciale: Le cause del mal di gola
Il mal di gola si accompagna spesso ai cambiamenti climatici tipici del periodo autunnale. Nella maggior parte dei casi, in età pediatrica è provocato da virus.
Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno