ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Mi consigliate il vaccino antinfluenzale?

Mi consigliate il vaccino antinfluenzale in un bambino sano? La vaccinazione contro l'influenza è raccomandabile per tutti? C'è attinenza con la SARS?

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

I giornali insistono nel dire che i pediatri raccomandano il vaccino anti-influenzale a tutti i bimbi causa Sars (N.d.R.: Sars è l'acronimo di Severe Acute Respiratory Sindrome; si tratta di una malattia respiratoria, probabilmente dovuta ad un virus, di cui sono stati riportati recentemente casi in Asia, Europa e Nord America). Mio figlio ha sei anni e non ha particolari problemi. Del vaccino non sono convinta ma non vorrei, per dubbi miei, essere causa di danni a lui. Ma è proprio necessario? Se si fa un anno poi deve sempre farlo? Tutto sommato lui l'anno scorso è stato bene. Potete consigliarmi?

La vaccinazione anti-influenzale non può essere ritenuta necessaria per tutti i bambini sani in quanto non vi è alcuna attinenza con la SARS e non è neanche utile a prevenire le numerose "malattie influenzali", tipiche del periodo invernale, causate da virus diversi da quello influenzale. Il vaccino in questione, infatti, funziona bene e previene solamente l'infezione da virus influenzale. Detto questo, la campagna mass-mediatica pro-vaccinazione anti-influenzale delle scorse settimane è scaturita a partire dalla Circolare del Ministero della Sanità che, accanto ad indicazioni precise sulla vaccinazione nelle fasce a maggior rischio, ha ravvisato delle somiglianze cliniche, almeno negli stadi iniziali, tra Influenza e SARS. Tale campagna è proseguita sulla scorta dell'appello lanciato dalla SIP (Società Italiana di Pediatria) alle Regioni perché offrano gratuitamente la vaccinazione contro l'influenza ai bambini.

Quest'ultima iniziativa da una parte ravvisa l'utilità della vaccinazione in caso di ripresa dell'epidemia di SARS, dall'altra parte enfatizza la possibilità di limitare la diffusione dell'Influenza negli anziani vaccinando i bambini. Per quanto riguarda il primo aspetto, c'è da dire che allo stato attuale nessuna Istituzione, nazionale o internazionale, ha mai raccomandato l'uso della vaccinazione a scopo preventivo o di controllo della SARS. Lo stesso Istituto Superiore di Sanità, in un documento sollecitato dalle Regioni, ha chiaramente affermato la inesistenza di evidenze di utilità della vaccinazione anti-influenzale nei confronti della SARS. Anche l' OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha raccomandato una migliore offerta delle vaccinazioni, ma solamente rivolta ai soggetti a maggior rischio (anziani, adulti e bambini con malattie croniche, ecc). Tale indicazione è stata ripresa dal Ministero della Sanità Italiano che ha confermato le raccomandazioni ordinarie (per esempio per tutti coloro che abbiano compiuto i 65 anni di età); quest'ultime, tuttavia, non identificano i bambini sani tra i gruppi a maggior rischio.

Per quanto concerne il secondo aspetto, è vero che i soggetti anziani possono essere maggiormente protetti se i bambini con i quali vivono vengono vaccinati. Tuttavia, l'entità della protezione è modestissima a fronte della vera protezione per gli anziani consistente nella loro diretta vaccinazione (così come previsto, peraltro, dalla Circolare Ministeriale). Pertanto, la decisione di vaccinare contro l'influenza, ben lungi dall'essere raccomandata a tutti i bambini, deve essere indirizzata ad ogni singolo bambino ed è legata a diversi fattori, di volta in volta vagliati dal Pediatra di fiducia, tenuto conto anche delle caratteristiche di quel bambino e del suo nucleo familiare. Naturalmente, ogni genitore è libero di intraprendere autonomamente l'iniziativa di vaccinare il proprio figlio allo scopo di evitargli i "fastidi" dell'influenza... ma questo è un'altro discorso.

10/11/2003

3/4/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mi consigliate il vaccino antinfluenzale?"

Convalescenza: quanto deve stare a casa dopo la malattia?
La convalescenza è un periodo di "riposo" dopo una malattia, che consenta al bambino di recuperare le forze. I consigli sulla durata della convalescenza.
Tosse secca notturna
La tosse secca notturna può essere un segno di asma o di sinusite.
Farmaci contro il virus dell'influenza
Sono in commercio in Italia tre farmaci contro il virus dell'influenza.
Catarro nei bambini
Il mio bambino è pieno di catarro e tosse: il pediatra parla di adenoidi e di sinusite.
Al nido da piccoli
I bambini al nido si rinforzano o semplicemente si ammalano più spesso? Il consiglio del Pediatra.
Alleviare i sintomi dell'influenza
In che modo alleviare i sintomi dell'influenza nell'attesa che la malattia si risolva.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si prepara il latte artificiale
Come evitare gli errori più comuni nella preparazione del latte artificiale.
Domande e risposte sulla flora intestinale dei bambini
Una serie di risposte a domande concernenti le alterazioni della flora intestinale e l'uso dei probiotici.
Toxoplasmosi in gravidanza: gli alimenti da evitare
I consigli del ginecologo su alimentazione, cibi e norme igieniche da seguire per evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza.
Crescita a scatti
Si parla di crescita "a impulsi" proprio per intendere che viene a mancare quella regolarità caratteristica dei primi mesi.
I sintomi della dentizione nei neonati
La dentizione nei neonati è anticipata da alcuni sintomi. Molto spesso è causa di irritazione delle gengive dei neonati.

Quiz della settimana

In media qual è l'altezza di un maschietto al compimento dei due anni di vita?
80-81 cm
83-84 cm
87-88 cm
90-91 cm