ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Linfoadenite acuta

Per linfoadenite si intende l'infiammazione (dovuta ad un virus o ad un batterio) di una delle moltissime ghiandole linfatiche presenti nel nostro corpo.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

A mio figlio di tre anni è stata diagnosticata una linfoadenite acuta sinistra; volevo altre informazioni sulla malattia.

Per linfoadenite si intende l'infiammazione (per infezione virale o batterica) di una delle moltissime ghiandole linfatiche presenti nel nostro corpo. Il nostro corpo è disseminato di ghiandole linfatiche che hanno un compito paragonabile a dei piccoli distretti di difesa locale molto ben distribuiti.

Poiché dalla sua domanda non si capisce quale ghiandola sia affetta da questa infiammazione-infezione, immagino si riferisca ad una ghiandola del collo. Nella comunissima patologia pediatrica le linfoadeniti sono secondarie a delle infezioni localizzate nelle vicinanze della ghiandola o ghiandole interessate.

Per esempio nel caso di una tonsillite è quasi la regola che si trovino rigonfiate (infiammazione-infezione) le ghiandole angolo-mandibolari, così come nella rosolia c'è un interessamento delle ghiandole retro-auricolari e per una ferita ad una gamba possono rigonfiarsi ed infettarsi le ghiandole all'inguine.

Il fenomeno è, in genere, l'espressione che nelle vicinanze della ghiandola o delle ghiandole infiammate c'è o c'è stata una infezione e la ghiandola ha messo in atto dei meccanismi di difesa locali per bloccarla; per lo più si tratta di un rigonfiamento per infiammazione ed infezione, che regredisce o da sola o con cure antibiotiche.

Ai miei assistiti spiego che le ghiandole sono come delle stazioni dei carabinieri pronti ad intervenire ovunque c'è bisogno: quando si vedono 3 o 4 carabinieri con auto e palette varie... vuol dire che è successo qualche cosa.

Così pure se si gonfia una ghiandola sotto un orecchio... può essere successo che il bambino abbia o abbia avuto una otite recente. A volte basta una piccola ferita (un orecchino) per dare una linfoadenite sotto la mandibola anche di una certa importanza. Ovviamente, il rigonfiamento di una ghiandola (linfoadenite) non sempre è un segno di una infezione nella zona (linfoadenopatia satellite), ma può avere altri significati che non mi sembra il caso di elencare.

8/11/2000

27/9/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Linfoadenite acuta"

Timo ingrandito
Un timo normale, anche se molto ingrandito, non dà compressione e quindi non può causare disturbi alla deglutizione.
Adenoidi e tonsille
Le tonsille e le adenoidi sono accumuli di tessuto linfatico, le prime situate in fondo alla gola le seconde nascoste nella parte posteriore della faringe.
Malattia da graffio di gatto
La malattia da graffio di gatto è una infezione causata da un microbo (la Bartonella) trasmesso dalle unghie del felino.
I linfonodi ingrossati
I linfonodi ingrossati possono essere un segno di mononucleosi infettiva, una malattia in cui il sistema linfatico.
Ghiandole linfatiche ingrossate
Le ghiandole linfatiche sono strutture predisposte alla sorveglianza di eventuali infezioni. Solitamente non hanno bisogno di cura.
Mononucleosi infettiva
La mononucleosi infettiva è causata dal virus di Epstein-Barr (EBV) e si presenta con tonsille e linfonodi ingrossati.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Le sono già comparse le smagliature sul seno
Il seno si è riempito di smagliature ancora rosse, posso fare qualcosa di più efficace? I consigli del dermatologo.
Pro e contro l'asilo nido
La scelta di mandare all'asilo nido bambini anche molto piccoli è un'esigenza "moderna". I consigli del Pediatra.
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore