ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

I linfonodi ingrossati

I linfonodi ingrossati possono essere segno di mononucleosi infettiva, una malattia che provoca anche malessere generale, astenia, inappetenza, nausea, febbre elevata.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Si tratta di mia figlia Elena: da almeno una settimana ha febbre da oltre 37° fino a 39° circa. Si nota la presenza di linfonodi sul collo, sotto le braccia e all'inguine. Mangia pochissimo e ha senso di vomito. Ha 15 anni e da almeno 4 ha le mestruazioni ma il mese scorso non le ha avute. Purtroppo, a seguito delle recenti festività, non mi è riuscito ottenere che una prima visita da un medico di guardia che ha prescritto degli esami del sangue. Presso l'ospedale della mia città un esame urgente del sangue ha mostrato, come risultati fuori valore, LDH=286 e Globuli bianchi=3,77. Ieri il medico di base l'ha visitata e diceva che potrebbe essere toxoplasmosi; oggi l'ho risentito e, a seguito dell'esito dell'ultimo prelievo, pensa si tratti di Citomegavirus. Gli esiti fuori valore sono: Ampiezza media distr.pias.=50.3, Granulociti neutrofili=31, cellule linforeticolari=1, cellule monocitoidi=3, cellule linfomonocitoidi=4, velocità eritrosedimentazione=20. Sperando di essere stato chiaro soprattutto nei termini medici sarebbe davvero gradito il Vostro parere, come approfondire le ricerche e come aiutare mia figlia a guarire.

E' difficile a distanza, senza un esame clinico, fare una diagnosi, ma tuttavia la dettagliata descrizione dei sintomi ed i pochi esami eseguiti, l'età della paziente ed il decorso clinico, depongono per il sospetto di una mononucleosi infettiva.

La mononucleosi infettiva è una malattia in cui il sistema linfatico è principalmente coinvolto ad opera del virus di Epstein-Barr che è un membro della famiglia degli herpes-virus. Tipicamente consiste in malessere generale, astenia, inappetenza, nausea, febbre elevata (che perdura anche una settimana ed è poco sensibile agli antipiretici), cefalea, mal di gola insistente ed ingrossamento delle linfoghiandole (in ordine decrescente di frequenza: le sottomandibolari, laterocervicali, ascellari, inguinali, epitrocleari, cioè del gomito).

Associati si possono riscontrare: ingrossamento della milza e del fegato, raramente un esantema (cioè una eruzione cutanea) lieve diffuso rubeoliforme (simile a quello della rosolia), presente soprattutto nei soggetti a cui sono stati somministrati antibiotici come ampicillina o amoxicillina. L'incubazione è di circa 30-50 giorni negli adolescenti, più breve nei bambini piccoli. Il virus viene trasmesso attraverso la saliva, sia per contatto diretto (malattia dei fidanzati), che tramite oggetti contaminati (giocattoli, effetti personali).

Il virus, penetrato attraverso la mucosa della bocca o delle prime vie aeree, si localizza nelle stazioni linfatiche limitrofe e da qui, attraverso i linfociti, ad altre strutture. Nel 69% dei casi è presente angina (arrossamento della gola), che è eritematosa, lacunare, pseudomembranosa. La diagnosi viene fatta con l'esecuzione del monotest, ma la prova più significativa è la dimostrazione della presenza nel sangue del paziente di anticorpi IgM specifici contro gli antigeni virus - capsidici (dosaggio dei VCA).

In diagnosi differenziale con la Mononucleosi infettiva è proprio l'infezione virale da Citomegalovirus che viene chiamata mononucleosi Paul Bunnel negativa: le linfoghiandole sono meno ingrossate, il decorso clinico è quello simil-influenzale.

1/5/1998

18/5/2016

I commenti dei lettori

salve...sono il papà di Raffaele; mio figlio ha da qualche mese dei linfonodi retro nucali ingrossati. abbiamo fatto tutti gli esami ematoligici ed anche l'ecografia. l'ecografo ha evidenziato una conformazion ovale del linfonodo tipico dei linfonodi reattivi ed ha anche evidenziato un leggero ingrossamento della milza e del fegato. gli esami del sangue hanno evidenziato solo il citomegalovirus già contratto da tempo e non hanno evidenziato l'esistenza di mononucleosi. il resto degli esami (emocromo, tocsoplamosi ecc..) è tutto regolare, solo la ves leggermente alterata. diciamo che aveva tutti i sintomi della mononucleosi; invece non è quello. Ci dobbiamo preoccupare? cosa puà essere?

Giuseppe (CE) 17/12/2010

salve da piu di un mese ho fermato dall'attività di calcio mio figlio 14 anni in quanto aveva gambe doloranti , talloniti, male all'inguine e andava sempre piu spesso in bagno anche 3 volte al giorno, dagli esami appena ricevuti emergono ves 19 emoglobina 13.5 ematocrito 38.4 volume corpuscolare medio 79.1 e dalla risonanza risultano qualche linfonodo reattivo in sede inquinale bilaterale , poi ha modeste protrusioni sui piani epidurali sottolegamentosi del disco l4-l5 e l5-si e l3-l4 ...cosa vuol dire?

laura (BO) 27/12/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "I linfonodi ingrossati"

Linfoadenite acuta
Per linfoadenite si intende l'infiammazione (dovuta ad un virus o ad un batterio) di una delle moltissime ghiandole linfatiche presenti nel nostro corpo.
Malattia da graffio di gatto
La malattia da graffio di gatto è una infezione causata da un microbo (la Bartonella) trasmesso dalle unghie del felino.
Linfonodo ingrossato
Abbiamo riscontrato due versioni contrastanti per la cura di un linfonodo ingrossato. A chi dobbiamo credere?
Adenoidi e tonsille
Le tonsille e le adenoidi sono accumuli di tessuto linfatico, le prime situate in fondo alla gola le seconde nascoste nella parte posteriore della faringe.
Ghiandole linfatiche ingrossate
Le ghiandole linfatiche sono strutture predisposte alla sorveglianza di eventuali infezioni. Solitamente non hanno bisogno di cura.
Mononucleosi infettiva
La mononucleosi infettiva è causata dal virus di Epstein-Barr (EBV) e si presenta con tonsille e linfonodi ingrossati.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Genitori e figli giocano
Il gioco tra genitori e figli permette di migliorare la relazione familiare.
Ha problemi di svezzamento perché non mangia la pappa
Ha problemi con lo svezzamento perché a sette mesi rifiuta la pappa. I consigli dell'esperto sullo svezzamento.
Strofulo
Lo strofulo è una malattia legata ad una sensibilizzazione a sostanze irritanti o tossiche presenti nelle punture di insetti.
Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita