ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Malattia di Kawasaki

La Malattia di Kawasaki si manifesta con sintomi acuti a carico delle mucose, della cute e dei linfonodi.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Mio figlio Andrea (di 21 mesi) si è preso la "sindrome di Kawasaki"; Andrea ha preso la sindrome in maniera abbastanza seria ed ha ora i due rami dell'arteria coronarica e la terza arteria cardiaca (non ricordo ora il nome) dilatate. Per il resto il bimbo dopo il decorso della forma virulenta sembra tornato come prima, gioca e corre normalmente. Premettendo che siamo ben seguiti dal pediatra di Andrea, che ci ha inviato presso un centro di cardiologia pediatrica, volevamo sapere qualcosa in più.

La malattia di Kawasaki è una vasculite, cioè una malattia dei vasi sanguigni, la cui causa è attualmente non nota. Colpisce soprattutto bambini al di sotto dei 4 anni (picco massimo nel 2° anno, come Andrea). Si chiama anche sindrome "muco-cutaneo-linfonodale", perchè si manifesta con sintomi acuti a carico delle mucose (congiuntivite, lesioni alla bocca), della cute (eruzione su tutto il corpo; gonfiore al dorso ed arrossamento al palmo delle mani e dei piedi) e dei linfonodi (ingrossamento delle ghiandole del collo e di altri distretti), accompagnati da febbre elevata e prolungata.

L'inizio della guarigione è spesso segnato da una desquamazione delle mani e dei piedi e da qualche dolore articolare. L'aspetto più pericoloso di questa malattia, però, è la sofferenza a carico del cuore (che avviene in forma grave nel 5-10% dei casi): se vengono colpite le coronarie (che sono le arterie che portano il sangue al cuore), il bambino corre il rischio di un infarto (perchè l'arteria si ostruisce e il sangue non arriva) o di un aneurisma (dilatazione dell'arteria, che può arrivare a rompersi).

E' quindi assolutamente necessario il controllo cardiologico da parte di un centro specializzato, che effettuerà gli accertamenti necessari e presumibilmente prescriverà una terapia con farmaci antiaggreganti (tipo l'Aspirina), per prevenire la formazione di trombi (coaguli) nelle arterie dilatate. Come prognosi, ovviamente generica, si può dire che in 2 casi su 3 le dilatazioni arteriose si risolvono entro due anni; negli altri casi, rimane qualche difetto (dilatazione o restringimento) che andrà tenuto sotto controllo.

1/1/1997

9/2/2015

I commenti dei lettori

purtroppo anche noi abbiamo abbiamo avuto il dispiacere di conoscere "la sindrome kawasaki", quando è stata diagnosticata, nostro figlio aveva solo 6 mesi giugno 2011). Il bambino ha presentato febbre alta e dopo qualche giorno macchie rosse sui piedi e mani e terrificanti occhi rossi. Dopo essere andati per ben due volte in ospedale e non convinti della diagnosi (mani piedi bocca), la pediatra che ringraziamo ancora,ha fortunatamente capito al volo il problema e a sua volta ci ha dirottati in un altro ospedale competente. Per fortuna la malattia è stata trovata in tempo e il nostro bambino adesso sta bene anche se ogni anno è sottoposto a controlli cardiologici.

sara (MB) 25/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Malattia di Kawasaki"

La sindrome di Kawasaki
La sindrome di Kawasaki è una patologia che colpisce prevalentemente i bambini d'età inferiore ai 4 anni.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte