ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

E' stato operato per una malformazione venosa dei polmoni

E' stato operato per una malformazione venosa dei polmoni. Quali saranno le conseguenze per la sua vita futura?

a cura di: Prof. Giovanni Stellin (cardiochirurgo)

Vivo in Turchia. Quando mio figlio aveva tre mesi, gli hanno diagnosticato un ritorno venoso parziale (N.d.R.: il ritorno venoso anomalo polmonare parziale è una malformazione in cui una o due vene polmonari, quasi sempre le vene polmonari destre, non si connettono con l'atrio sinistro, ma con l'atrio destro o con le vene cave. Il risultato è che una parte del sangue ossigenato dai polmoni arriva direttamente o indirettamente in atrio destro). Mi avevano detto che avrebbe dovuto subire un intervento verso i tre anni, ma io non mi sono fidata dei medici turchi e sono subito corsa in Italia. A Roma gli hanno riscontrato un ritorno venoso totale [N.d.R.: il ritorno venoso anomalo polmonare totale è una malformazione rara in cui le vene polmonari, invece di connettersi con l'atrio sinistro, si raccolgono in un'unica vena polmonare comune che si unisce o alla vena cava superiore (varietà sopracardiaca) o all'atrio destro (varietà cardiaca) o alla vena cava inferiore (varietà infracardiaca o sottodiaframmatica). La conseguenza di questa malformazione è che il sangue ossigenato dai polmoni ritorna alla parte destra del cuore e viene rinviato in gran parte ai polmoni] e, dopo un cateterismo un po' problematico, l'anno operato un anno fa. L'intervento è andato benissimo e, dopo una sola settimana, siamo usciti dall'ospedale. I dottori vorrebbero fare un altro cateterismo verso i tre anni per dichiararlo completamente guarito. È proprio necessario? Come devo considerare mio figlio, cardiopatico o no? Cresce bene, non si è mai ammalato, anche prima dell'intervento cresceva e stava apparentemente bene: ho fatto bene a farlo operare a quattro mesi di vita? Mio figlio da grande potrà avere dei figli sani? Quali potrebbero essere le cause del ritorno venoso (mio fratello ha un setto inter-atriale che non gli ha mai dato problemi)? Sono genetiche? Da grande potrà fare sport oppure no?

Non è chiaro se il bimbo è stato operato per un ritorno venoso anomalo parziale o totale. Nel caso questo fosse un ritorno totale, come diagnosticato a Roma: il cateterismo cardiaco a tre anni di distanza non è necessario, a meno che altri esami non invasivi (ecocardiografia, risonanza magnetica, etc.) non risultino positivi; in assenza di lesioni associate, il ritorno venoso anomalo totale, una volta corretto, permette uno sviluppo ed una qualità di vita perfettamente normale; il bimbo è stato operato a quattro mesi di vita. I ritorni venosi anomali totali di solito si correggono nel periodo neonatale o nei primi due - tre mesi di vita. Non vorrei che il caso in oggetto avesse avuto un ritorno venoso anomalo parziale. Questa è una malattia molto meglio tollerata e l'intervento viene di solito eseguito in età più avanzata, comunque in età prescolare; il bimbo da grande potrà avere figli sani.

Tuttavia, essendo lui stato portatore di cardiopatia congenita, ha una piccola percentuale in più di poter avere un figlio con cardiopatia congenita; le cause della maggior parte delle malformazioni congenite non sono ancora ben chiarite. L'unica cosa certa è che queste si associano frequentemente ad anomalie cromosomiche. Nel caso di assenza di anomalie cromosomiche, l'incidenza di queste è dello 0.8%; nel caso il bimbo in oggetto fosse considerato totalmente guarito, da grande potrebbe fare sport, eventualmente anche agonistici.

4/7/2003

8/12/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "E' stato operato per una malformazione venosa dei polmoni"

Liquido nei polmoni
All'ecografia in gravidanza è risultato che il mio bambino ha del liquido nei polmoni.
Atresia della valvola polmonare
L'atresia della polmonare è una malattia cardiaca congenita che consiste nella mancata formazione della valvola che fa passare il sangue ai polmoni.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta