ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Mia figlia ha sempre il muco brutto dal naso

Il raffreddore si complica in rinite mucopurulenta. Esiste un rimedio efficace per il muco brutto dal naso? E' importante provvedere ad una corretta igiene nasale.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

La mia bimba di due anni si ammala spesso di rinite muco-purulenta che viene puntualmente curata con l'antibiotico. Il problema è che lei non riesce mai a risolvere spontaneamente un semplice raffreddore ma si complica sempre nel 99% dei casi in rino-sinusite. Vorrei sapere se esiste un rimedio efficace per prevenirla e se l'uso dell'antibiotico è sempre necessario.

La domanda del lettore è apparentemente semplice: però, purtroppo, spesso è un po' semplicistica la "gestione" di una situazione, obiettivamente frequente, quale quella che egli sottopone. Per poter dare una risposta abbastanza precisa, bisognerebbe poi conoscere l'ambiente familiare: la bambina è figlia unica o ha fratelli maggiori? Frequenta l'asilo nido? C'è fumo passivo in casa? Vive in una zona normalmente salubre oppure vive in una città con parecchio traffico e quindi con elevato inquinamento?

È indubbio che un bambino di due anni, a causa della sua età, sia un soggetto a rischio per essere colpito con relativa frequenza da infezioni delle alte vie respiratorie. È anche vero che i bambini piccoli, quanto più precocemente vengono inseriti in collettività, tanto più facilmente sono preda di infezioni, sia respiratorie che intestinali, contratte appunto nella collettività che frequentano. E non va dimenticato che, per un bambino piccolo, un "fattore di rischio" importante che accresce la probabilità di contrarre ripetute forme infettive delle vie respiratorie ed intestinali, è l'avere fratelli maggiori.

Detto questo (e quindi sottolineata l'ineluttabilità e persino la relativa normalità di un certo numero di situazioni analoghe a quella riferita dal genitore) è bene chiarificare qualche punto circa la diagnosi di rino-sinusite: non è vero che ogni rinite muco-purulenta sia sempre una rino-sinusite da trattare inevitabilmente con antibiotico, e non è detto che la sinusite abbia sempre e solo uno scolo nasale muco-purulento.

Anzi può esordire con essudazione acquosa, mucosa, purulenta fluida o consistente; se l'essudazione muco-purulenta perdura per dieci giorni senza mai variare le sue caratteristiche, ma anzi peggiorando a causa di continuità dei sintomi e gravità dei sintomi, allora in quel caso è giustificato il trattamento antibiotico, poiché è fortemente sospettabile l'interessamento dei seni paranasali.

Anche se nello svolgersi dell'episodio di rinite muco-purulenta si dovesse presentare un problema all'orecchio medio (dolore, rialzo febbrile, irritabilità), non è detto che ciò sia subito segno di otite media acuta da trattarsi doverosamente con antibiotico. La frequenza di "complicazione in rino-sinusite" del 99% riferita dal genitore mi pare sia eccessiva: di norma la complicanza batterica di una infezione respiratoria indifferenziata localizzata alle alte vie, numericamente si aggira sul 10 - 20 % dei casi.

Tutto questo, a grandi linee, è valido per bambini peraltro sani, che non hanno in atto condizioni in grado di essere loro stesse causa di ripetute infezioni respiratorie (mucoviscidosi, allergie, anomalie anatomiche delle regioni preda di infezioni, immuno-incompetenze di vario grado, ecc.).

Il Pediatra curante è senz'altro in grado di approfondire il discorso, attraverso consulenze specialistiche otorinolaringoiatriche e indagini mirate di laboratorio al fine di escludere patologie sottostanti e tranquillizzare così la famiglia riguardo alla sostanziale e frequente benignità di situazioni come quella riportata.

E la mamma cosa può fare? Anzitutto provvedere ad una corretta igiene nasale, insegnando al bambino più grande a rimuovere bene il muco soffiando il naso con efficacia. Per i più piccoli, instillazione di qualche goccia di soluzione fisiologica e aspirazione con idoneo dispositivo possono garantire fasi più prolungate di benessere e guarigione più rapida in caso di malattia.

15/2/2002

20/6/2017

I commenti dei lettori

SAlve, sono la mamma di una bambina di 3 anni. Il dottore le ha identificato adenoidi ingrandite di 3° grado. Soffre spesso di congestioni nasali e di "blocked nose". Cosa mi consigliate di fare. E meglio toglierle o no? a che anni?

Anisa 13/01/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mia figlia ha sempre il muco brutto dal naso"

Sinusite
La sinusite è un'infiammazione acuta purulenta, di una o più cavità paranasali. Le infezioni di queste sedi sono frequenti nei bambini.
Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
Naso chiuso nel neonato
Per un neonato avere il naso chiuso rappresenta un problema importante perché può disturbare l'allattamento e il riposo notturno. Come migliorare i sintomi.
Rinite allergica
Quale prevenzione seguire perchè la rinite allergica non si trasformi in asma?
Cortisone in spray nasale per le adenoidi
Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini.
Catarro nei bambini
Il mio bambino è pieno di catarro e tosse: il pediatra parla di adenoidi e di sinusite.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.
Trauma dentale
Uno dei due denti incisivi si è scurito dopo un trauma. Il dentista deve fare gli accertamenti necessari dopo la valutazione diagnostica.
Afte ricorrenti
Per certi bambini soffrire di afte ricorrenti può diventare realmente un problema perché i sintomi sono dolorosi e abbastanza intensi.
Inserimento alla scuola materna: è il più giovane della classe
Nella sua classe di scuola materna sarà il più giovane. I consigli per l'inserimento.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura