ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Anosmia: non sente gli odori

La forte diminuzione fino alla scomparsa della sensibilità olfattoria è chiamata in termine medico "anosmia". E' spesso provocata da un’alterazione dell’epitelio della mucosa olfattiva.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Abbiamo un bambino di 6 anni, che sostiene di non sentire nessun odore. Abbiamo provato a fargli sentire odori forti come alcool, profumi e aceto, senza tuttavia avere risultati. Il bambino dai 2 ai 5 anni ha sofferto di ripetute riniti che nel periodo invernale provocavano la chiusura totale del naso. Per questo i medici ci hanno sempre consigliato di fare aerosol con prodotti mucolitici e cortisonici. Che cosa può causare l'assenza dell'olfatto e quali rimedi ci sono?

La forte diminuzione fino alla scomparsa della sensibilità olfattoria è chiamata in termine medico "anosmia". In più del 50% è dovuta ad un’alterazione dell’epitelio della mucosa olfattiva o a lesioni delle fibre del nervo olfattivo o di alcuni suoi tratti, in seguito ad infezioni o allergie (in cui l’edema della mucosa "copre" le cellule olfattive che non vengono più raggiunte dalle sostanze odorose), poliposi nasale (per un ostacolo meccanico alla progressione delle particelle odorose), tumori, rinite atrofica, traumi cranici (per strappamento dei nervi olfattivi).

Nel 20% dei casi può essere dovuta ad una banale malattia virale, ad esempio dopo una sindrome influenzale, per una lesione diretta delle cellule olfattive. In una piccola percentuale di casi l’anosmia è di origine genetica (di tipo autosomico dominante) oppure può essere un’alterazione isolata o familiare, qualche volta associata a precoce caduta dei capelli e ad emicrania oppure può accompagnarsi a sindromi rare. In più del 15% la causa è ignota.

La diagnosi richiede visite otorinolaringoiatriche, esami oftalmometrici, esami radiologici, qualche volta visite neurologiche, esami del sangue (per identificare cause virali). Le terapie possono essere chirurgiche e/o farmacologiche con spray al cortisone, vasocostrittori in gocce nasali, iposensibilizzazione con vaccini (per le riniti allergiche); danno spesso buoni risultati. Nelle forme secondarie ad infezioni virali, in una discreta percentuale di casi (circa il 30-40%), l’alterazione dell’olfatto può essere irreversibile.

1/2/1998

15/9/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte