ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Occlusione intestinale alla nascita

Un neonato che non riesce a scaricarsi. E' possibile riscontrare nei prematuri un "ritardo" di canalizzazione. I consigli del pediatra.

a cura di: Dott. Marcello Cimador (chirurgo pediatra)

Mio figlio è nato tre settimane orsono con parto cesareo; sin dalla nascita è stato ricoverato in ospedale, inizialmente per un sospetto di isoimmunizzazione, non verificatasi, poi per un sospetto di megacolon. Nelle prime 48 ore di vita il neonato non ha meconiato e nonostante ciò non è stato preso alcun provvedimento (clistere, stimolazione anale, aspirazione etc.).
Nella terza giornata è stato effettuato un clisma opaco e raggi al torace con esiti negativi. Durante questi tre giorni il bimbo vomitava verde. Da voci discordanti sembra comunque che il bimbo, successivamente al clisma, si sia liberato da solo. Attualmente il bimbo riesce a liberarsi con l'ausilio di un sondino anale inserito per circa 15 cm (sondino permanente). I medici hanno intenzione di provare, successivamente, l'estrazione del suddetto sondino per vedere se il bimbo è capace di liberarsi autonomamente o con una semplice stimolazione tipo clistere. Vorrei sapere se esistono centri specializzati in Italia per il trattamento di tale patologia neonatale, se è necessario l'intervento chirurgico o se esistono soluzioni alternative.

Nella domanda posta dai genitori purtroppo non si evince se il parto cesareo sia stato eseguito nell'urgenza di una sofferenza fetale e se quindi l'epoca del parto sia caduta nel periodo della prematurità. Questa precisazione vuole sottolineare che possibile riscontrare nei prematuri un "ritardo" di canalizzazione (intesa come ritardata emissione del meconio oppure come insufficiente capacità di svuotamento intestinale) forse addebitabile ad una immaturità delle terminazioni nervose intestinali. Tale problema comunque viene di solito superato attraverso un periodo di nursing (evacuazione tramite sonda rettale e con microclismi) fino al raggiungimento della maturità. Nell'evenienza invece che si tratti di un neonato a termine, certamente la mancata emissione di meconio a 48 ore dalla nascita è suggestiva e va indagata: d'altronde che vi sia uno stato occlusivo è evidentemente dimostrato dal vomito tinto di bile.

Il clisma opaco è l'indagine diagnostica (ed a volte anche terapeutica) adeguata per valutare se ci si trovi in presenza di un colon dilatato (suggestivo per megacolon ed altre displasie intestinali neuronali) oppure di un microcolon (suggestivo per un'atresia ed altre ostruzioni ileali). Il clisma opaco inoltre permette di rimuovere l'eventuale presenza di un tappo di meconio ostruente che talvolta può simulare una patologia organica che invece non esiste.

Dalle poche righe della domanda mi sentirei di escludere che si tratti di un'atresia, cioè di una ostruzione (i chirurghi sarebbero stati costretti ad operare d'urgenza), mentre è difficile dire se ci si trovi in presenza di un'aganglia: se il clisma opaco non è stato dirimente in tal senso bisognerà effettuare delle biopsie della sottomucosa colica per valutare la presenza dei gangli nervosi. Il nursing (l'evacuazione assistita con microclisteri) è una pratica che noi eseguiamo regolarmente, ma per un limitato periodo, necessario a capire se il neonato sia in grado di evacuare spontaneamente oppure no. In quest'ultimo caso il confezionamento di una colostomia con le relative biopsie per la ricerca dei gangli è il passo successivo. Infine che io sappia non esistono centri specializzati in "disfunzioni intestinali" di questo tipo, essendo una patologia di frequente riscontro nelle corsie neonatali e chirurgiche pediatriche.

1/7/1998

14/4/2017

I commenti dei lettori

La mia primogenita, nacque a termine (anzi 1 sett in più)... dopo 24 ore vomitava verde, piangeva e tirava le gambine verso il pancino mentre si sentiva un gorgoglio. Dopo due giorni la portarono via, senza dirmelo, in un altro ospedale e lì venne operata d'urgenza: aveva ancora 3 ore di vita, poi... la diagnosi? Volvolo ileale con peritonite meconiale. Uscì dalla sala operatoria con una ileostomia ed un innesto dell'ileo nel colon, ma 8 gg dopo l'innesto s'infettò. di nuovo in sala operatoria e da lì uscì con doppia ileostomia. Mi resero la bimba dopo 35 gg di ospedale, con sospetto di mucoviscidosi. 20 gg dopo scongiurata anche la mucoviscidosi, decisero l'intervento di chiusura delle ileostomie: a 3mesi e 23 gg il terzo e definitivo intervento per mano del grande e carissimo prof. Luciano Cucchi! Mi dissero che era il primo caso in Europa di intervento e chiusura entro il primo anno di vita, ma avrei preferito non avesse questo primato. Sono passati tanti, tanti anni e lei ha ancora quelle grandi cicatrici sulla pancia che ho sempre benedetto. Dopo lei ho partorito altre tre volte, ma ciò che mi è successo inconsciamente m'impediva di partorire: ho sempre avuto travagli lunghi, il tempo di durata aumentava ad ogni figlio invece di diminuire. I bimbi ospedalizzati sono da seguire anche a livello psicologico oltre che medico, ma anche le madri, le famiglie avrebbero bisogno di supporto: non si dimentica il dolore vissuto e soprattutto visto. N.L.

Nadia (LC) 04/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Occlusione intestinale alla nascita"

Stitichezza e allergia al latte
In uno studio di autori italiani sull'allergia alle proteine del latte vaccino è stata confermata l'associazione tra stipsi e proteine del latte vaccino.
Trattiene le feci
Trattiene le feci e ci disperiamo intorno a lei per fargliela fare. I consigli del pediatra.
Ileo da meconio
L'ileo da meconio rappresenta la forma più precoce della fibrosi cistica o mucoviscidosi: compare infatti in circa il 10% dei neonati affetti dalla malattia.
Il megacolon congenito
Mio figlio è affetto da mega colon congenito. I sintomi e la terapia chirurgica.
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
Stitichezza nel neonato
La stitichezza del neonato non dipende dalla frequenza, quanto piuttosto dallo sforzo ad evacuare, causato dalla eccessiva compattezza delle feci.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.
Trauma dentale
Uno dei due denti incisivi si è scurito dopo un trauma. Il dentista deve fare gli accertamenti necessari dopo la valutazione diagnostica.
Afte ricorrenti
Per certi bambini soffrire di afte ricorrenti può diventare realmente un problema perché i sintomi sono dolorosi e abbastanza intensi.
Inserimento alla scuola materna: è il più giovane della classe
Nella sua classe di scuola materna sarà il più giovane. I consigli per l'inserimento.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura